Home / Pianeta / Acque piene di antibiotici nei fiumi di tutto il mondo. In Kenya e Bangladesh i più contaminati del pianeta

Acque piene di antibiotici nei fiumi di tutto il mondo. In Kenya e Bangladesh i più contaminati del pianeta

I fiumi del mondo sono malati di antibiotici e, per lo stesso motivo, alcuni sono già morti. Sversati direttamente dagli allevamenti, fuoriusciti dalle industrie farmaceutiche o, ancora, finiti nei fiumi a causa di un trattamento delle acque reflue non ottimale, gli antimicrobici sono ormai presenti quasi ovunque, talvolta in concentrazioni altissime e fuori controllo. Questo è il quadro che emerge da un lavoro coordinato dall’Università di York e presentato al congresso della Society of Environmental Toxicology and Chemistry (SETAC) svoltosi a Helsinki nei giorni scorsi.

L’ateneo britannico ha chiesto a ricercatori di raccogliere campioni (per un totale di 711) dai fiumi dei 72 Paesi partecipanti, compresi corsi d’acqua importantissimi come il Tigri, il Mekong, il Rodano e così via, che poi sono stati inviati a York per il dosaggio. Le analisi hanno su 14 tra i più comuni antibiotici, hanno evidenziato nel 65% dei casi la loro presenza, spesso a concentrazioni  superiori a quelle ritenute sicure. I limiti oscillano dai 20 ai 32 mila nanogrammi per litro (ng/l) a seconda della molecola e sono state stabilite dalla AMR Industry Alliance (associazione inglese di oltre cento aziende per la lotta alla resistenza agli antibiotici).

I dettagli dello studio sono molto interessanti. Per esempio il metronidazolo, usatissimo per trattare infezioni delle vie respiratorie e della pelle, è quello che raggiunge i livelli peggiori, con picchi di concentrazioni fino a 300 volte quelle considerate sicure in Bangladesh. Il Paese è uno di quelli con le acque più contaminate: se il Tamigi ha una concentrazione media di 233 ng/l di antibiotici, nei fiumi del Bangladesh la media è 170 volte più alta. L’antibiotico più diffuso nelle acque di tutto il mondo è un sulfamidico, il trimetoprim, impiegato soprattutto per le infezioni del tratto urinario e trovato in 307 dei 711 campioni, mentre quello che più spesso eccede i limiti è la ciprofloxacina, scoperta in quantità superiori al limite di sicurezza in 51 siti.

Dal punto di vista dei Paesi, come prevedibile, i peggiori sono quelli con un tasso di sviluppo più basso, perché spesso hanno sistemi di trattamenti delle acque civili, industriali e agricole poco efficienti. La stessa cosa accade nelle zone dove da molti anni ci sono guerre, come al confine tra Israele e Palestina. In cima alla lista nera ci sono il Kenya, con concentrazioni di antibiotici fino a cento volte quelle sicure e molte zone di acque ormai morte, il Bangladesh, il Pakistan e la Nigeria.

I fiumi più contaminati da antibiotici sono quelli dei Paesi in via di sviluppo, che non hanno adeguati sistemi di trattamento delle acque

Anche in Europa e Nordamerica sono state scoperte situazioni allarmanti. È il caso, per esempio, del Danubio, risultato essere il fiume più contaminato d’Europa, che a Vienna ha sette antibiotici, tra i quali la claritromicina, utilizzata per polmoniti e bronchiti. A lungo considerato uno dei più sicuri, il Tamigi contiene in media cinque diversi antimicrobici, e in alcuni tratti ha concentrazioni di ciprofloxacina tre volte quelle massime. In generale, l’8% dei fiumi europei è contaminato.

Tutto ciò dipinge una situazione preoccupante e spiega anche perché l’Oms continui a richiamare l’attenzione sulla questione, sottolineando che se non si interverrà al più presto e con misure drastiche, nel 2050 le infezioni potrebbero uccidere non meno di dieci milioni di persone.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

I sacchetti in bioplastica potrebbero influire sulla germinazione (se non smaltiti correttamente): criticità sulla metodologia dello studio scientifico

In seguito alla pubblicazione dello studio inglese secondo cui le plastiche biodegradabili non sarebbero soggette …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *