Home / Controlli e Frodi / Amarone contraffatto, una frode da tre milioni di euro. Concluse le indagini iniziate nel novembre 2016 con i sequestri presso Auchan

Amarone contraffatto, una frode da tre milioni di euro. Concluse le indagini iniziate nel novembre 2016 con i sequestri presso Auchan

vino-amarone-richiamo-auchanCon tre istanze di patteggiamento, una richiesta di rinvio a giudizio e un decreto penale di condanna, si è conclusa l’indagine dei carabinieri del Nipaaf (Nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale) e delle stazioni forestali di Verona e Tregnago sulla vendita del vino Amarone contraffatto. Come aveva dato notizia Il Fatto Alimentare, l’investigazione era iniziata nel novembre 2016 con il sequestro, e il conseguente ritiro e richiamo delle bottiglie già vendute dalla catena di supermercati Auchan, del vino DOC Amarone della Valpolicella 2008 “Argento”, che per il prezzo di vendita eccessivamente ribassato (8.49 euro) e il richiamo a un imbottigliatore inesistente aveva destato sospetti sulla contraffazione del prodotto.

Successivamente, come riferisce Verona News, sono state sequestrate durante il trasporto 676 bottiglie di un altro vino Amarone contraffatto allo stesso modo, con la denominazione “Villa Serafin 2004”, che in realtà era un vino giovane derivante da un probabile taglio di varietà Merlot e Cabernet. Il falso Amarone Villa Serafin era commercializzato dall’azienda Your Drink Sas di Roma, che era al corrente della contraffazione.

Intanto, il clamore mediatico seguito al sequestro dell’Amarone Argento aveva indotto un acquirente tedesco a restituirlo, ma poi le bottiglie erano state reimmesse sul mercato italiano ad opera dell’intermediario S.M. Import srl, al quale ne sono state sequestrate 1.194, contraffatte come quelle di Auchan.

Le indagini hanno portato all’azienda Mondello Wines Srl di San Bonifacio (Verona) e all’azienda agricola Desmontà sas. Gli inquirenti hanno accertato illeciti amministrativi per oltre 500 mila euro e stimano che il valore della contraffazione ammonti a circa tre milioni di euro.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

smoked parma ham

Prosciutto di Parma: la proposta del nuovo disciplinare è una beffa. Più sale e più acqua. Serve confronto pubblico

Chissà se al prossimo festival del prosciutto crudo di Parma programmato per l’inizio di settembre …