Home / Allerta / L`allerta su semi e germogli di fieno greco sospettati di contaminazione da Escherichia coli O104 estesa a tutta l`Europa. Alto Adige ritira dal commercio

L`allerta su semi e germogli di fieno greco sospettati di contaminazione da Escherichia coli O104 estesa a tutta l`Europa. Alto Adige ritira dal commercio

Il Sistema di allerta rapido europeo (Rasff) ha invitato l’Italia e altri 24 paesi a ritirare dal commercio le partite di germogli e di semi di fieno greco. Il sospetto è che possano essere contaminate da Escherichia coli O 104: H4  il batterio che nei mesi di maggio e giugno ha causato 53 morti e 4000 persone colpite da disseteria emorragica. 

Il provedimento è stato deciso dopo un’analisi condotta dalle autorità sanitarie tedesche che hanno ricostruito il percorso. I semi facevano parte di un lotto di 15.000 kg partito dall’Egitto via nave, sbarcato ad Anversa e recapitato a un società in Germania.

Qui la partita è stata distribuita a imprese locali e spedita in Spagna, Austria e Inghilterra. Un grosso lotto è stato acquistato da un’impresa  che lo ha suddiviso in piccole partite vendute poi a aziende localizzate in 16 paesi europei.  Alla luce di questa ricostruzione  il 15 luglio 2011 il Rasff ha esteso l’allerta sui semi di fieno greco praticamente a tutta l’Europa compreso l’Italia.

Come era stato  preannunciato due settimane fa in un rapporto dell’Autorità per la sicurezza alimentare europea, la vicenda dell’Escherichia coli non si può ritenere conclusa.

Sulla base di quest’allerta l’assessorato provinciale alla sanità dell’Alto Adige ha ritirato dal commercio due lotti di germogli e semi sospetti, denominati ”Sperli – Keimsprossen-Saaten Bockshornklee” (Germogli e semi di fieno greco) 30g e ”Sperli -Asia-Mischungen” (Miscele – Asia) 30g (vedi foto).  Le autorità sanitarie dell’Alto Adige invitano le persone che hanno acquistato questi prodotti a partire dal mese di febbraio 2011 a non consumarli.

La situazione in Italia

Secondo un rapporto diffuso una settimana fa dal  ministero della Salute in Italia non sono stati segnalati casi di sindrome emolitico uremica da E. coli O104:H4 riconducibili al focolaio epidemico tedesco.

Roberto La Pira

Foto :Photos.com 

Altri articoli  sull’argomento


Escherichia coli: si costituisce una task force europea per cercare le cause dell’epidemia. Proseguono i controlli in Francia L’epidemia da Escherichia coli O104:H4 che in Germania ha provocato 40 morti forse non è un problema circoscritto a un’azienda tedesca

Escherichia coli 104: il commissario Dalli riferisce al Parlamento europeo. Dure le critiche al sistema di informazione tedesco Il 14 giugno il Commissario per la Salute John Dalli è tornato al Parlamento europeo per fornire un aggiornamento sulla crisi tedesca della E. coli

Sicurezza alimentare: Escherichia coli il report di Epicentro sulla situazione italiana e europea Il report sul sito curato dall’Istituto superiore di sanità www.epicentro.it riferisce che in Italia nel 2011 non sono stati segnalati

.

 

Avatar

Guarda qui

Migrazione di melammina da stoviglie per bambini e frammenti di piombo in salame di cervo… Ritirati dal mercato europeo 114 prodotti

Nelle settimane n°32 e 33 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta …