Home / Nutrizione / Il 45% degli adulti statunitensi allergici sviluppa la sensibilità a un cibo in età adulta. Fenomeno in aumento sia nei bambini che negli adulti

Il 45% degli adulti statunitensi allergici sviluppa la sensibilità a un cibo in età adulta. Fenomeno in aumento sia nei bambini che negli adulti

Allergie alimentariNegli Stati Uniti, le allergie negli adulti sono in aumento, così come nei bambini. Inoltre, quasi la metà degli allergici ha sviluppato la patologia in età adulta. Lo rileva una ricerca condotta da allergologi della Northwestern Medicine University e presentata in occasione del meeting annuale della American College of Allergy, Asthma and Immunology (ACAAI).

“Le allergie alimentari sono spesso viste come una condizione che comincia nell’infanzia, quindi l’idea che il 45% degli allergici sviluppi il problema in età adulta è piuttosto sorprendente”, afferma Ruchi Gupta, che ha diretto lo studio. “Abbiamo anche visto che, come per i bambini, l’incidenza delle allergie alimentari in età avanzata è in aumento”, rileva l’esperta. I cibi che più di frequente provocano allergia sono i crostacei e le arachidi. Negli Stati Uniti gli adulti che soffrono di allergia ai crostacei sono il 3,6%, con un aumento del 44% rispetto al 2004, mentre gli allergici alle arachidi sono l’1,8%, con un aumento addirittura del 260% rispetto allo 0,5% stimato nel 2008.

Il rischio di sviluppare forme di intolleranza verso questi due alimenti è risultato maggiore negli adulti afro-americani, asiatici e ispanici, rispetto alle persone caucasiche. Ad esempio, gli adulti asiatici hanno un’incidenza verso i  crostacei 2,1 volte maggiore, mentre gli ispanici hanno allergia alle arachidi 2,3 volte in più.

Tra i bambini, invece, l’allergia alle arachidi colpisce il 2,5% del totale, con un aumento del 21% rispetto al 2010. In aumento anche l’allergia alle noci (+18%) e ai crostacei (+7%). I bambini afro-americani sono più esposti al rischio di allergie alimentari rispetto ai caucasici, che nel caso delle arachidi è quasi doppio.

© Riproduzione riservata

sostieni

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Woman Suffering Toothache After Eating Chocolate

Zucchero & carie: è il momento di scelte radicali per la salute dentale. A partire dalle responsabilità di Big Sugar

Le campagne di salute pubblica hanno troppo spesso ignorato quella dentale, ma ora è indispensabile …

Un commento

  1. Donatella Fregatti

    e poi c’è qualcuno che dice che nonostante mangino ogm da 20 anni gli statunitensi stanno benissimo!!!