Home / Nutrizione / Troppi alimenti ultra-trasformati nella dieta degli adolescenti alzano il rischio di obesità del 45%

Troppi alimenti ultra-trasformati nella dieta degli adolescenti alzano il rischio di obesità del 45%

Girl works at a computer and eats fast food. Unhealthy food: chips, crackers, candy, waffles, cola. Junk food, concept. alimenti ultra-trasformatiIl legame tra consumo di alimenti ultra-trasformati, sovrappeso, obesità e malattie collegate negli adulti è stato dimostrato da numerosi studi, e anche per quanto riguarda i bambini sono ormai disponibili dati convincenti. Quello che è meno chiaro, invece, è il rapporto tra questo tipo di alimentazione e la salute nell’adolescenza. A colmare la lacuna prova ora uno studio effettuato da un gruppo che si dedica da anni a tali tematiche, quello di Carlos Monteiro (creatore del sistema NOVA) presso l’Università di San Paolo in Brasile, che nel commentare i risultati propone alcuni confronti tra paesi diversi.

Non avendo a disposizione informazioni dettagliate e aggiornate a livello nazionale, i ricercatori brasiliani hanno analizzato quelle statunitensi contenute nell’archivio del National Health and Nutrition Examination Survey (Nhanes), relative al periodo compreso tra il 2011 e il 2016, raccolte in base al metodo del diario alimentare delle 24 ore. I partecipanti – oltre 3.500 adolescenti di età compresa tra i 12 e i 19 anni – sono stati invitati a indicare nel dettaglio tutto ciò che avevano mangiato durante un’intera giornata, specificando quantità e orari. Molti dei ragazzi sono stati intervistati due volte, a distanza di due settimane. Di loro sono quindi state considerate tutte le misure antropometriche e, in modo particolare, l’indice di massa corporeo e la circonferenza addominale, rapportate poi ai grafici di crescita ufficiali dei CDC statunitensi.

Gli adolescenti che consumano più alimenti ultra-trasformati hanno un rischio di obesità più elevato del 45%

Come riferito sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics, in base alle risposte, i ragazzi sono stati inseriti in tre gruppi: quelli per i quali gli ultra-trasformati rappresentavano fino al 29% in peso del cibo consumato, gli adolescenti per cui la quota di ultra-processati era compresa tra 29 e 47% e quelli per i quali era uguale superiore al 48%, in un intervallo globale compreso tra il 18,5% e il 64%. I dati clinici non hanno lasciato dubbi: i ragazzi all’estremo superiore avevano il 45% di probabilità in più di essere obesi rispetto a quelli ai limiti inferiori, il 52% di probabilità in più di avere grasso addominale in eccesso e – dato più allarmante di tutti – il 63% di rischio in più di obesità viscerale (grasso depositato attorno agli organi interni, forte fattore di rischio per diverse malattie), tutti parametri che correlano linearmente con il rischio di sviluppare ipertensione, diabete di tipo 2, malattie epatiche, cardiovascolari, tumori, e di morire per una di queste patologie. 

L’associazione tra alimenti ultra-trasformati e grasso in eccesso, riferita ai ragazzi statunitensi, appare ancora più preoccupante, visto che in media questo tipo di prodotti (cibi e bevande) rappresenta ormai il 66% di quanto mangiano. In base a un altro studio pubblicato dal 2021 dallo stesso gruppo di ricerca su Obesity Reviews, tale valore sale al 68% per i ragazzi inglesi, mentre è al 19% per i colombiani, e al 27% per i brasiliani. 

Breaking Diet. Chubby girl sitting at kitchen table with pizza eating chips close-up
Negli Stati Uniti e nel Regno Unito gli alimenti ultra-trasformati rappresentano oltre il 65% della dieta degli adolescenti

Ciò che preoccupa molto, poi, è l’acquisizione di pessime abitudini alimentari fino dalla più tenera età, come è emerso anche in un sondaggio del 2019 del Governo brasiliano, secondo il quale l’80% dei bambini con meno di cinque anni consuma regolarmente ultra-processati. Ma una volta consolidate queste abitudini fino da bambini, è noto che è molto difficile sradicarle e assumerne di nuove. E lo stesso accade in molti paesi: la quantità di frutta e verdura fresche e fibre diminuisce sempre più a favore di quella di zuccheri, grassi saturi, sale e additivi.

Tutto ciò rende la situazione critica, secondo la coordinatrice di queste ricerche, Daniela Neri, che così conclude: “Dobbiamo andare oltre l’educazione dei consumatori, intraprendendo azioni di politica pubblica su diversi fronti. Sono possibili diverse strategie, come porre restrizioni alla pubblicità, specialmente quando è diretta ai bambini, e aumentare la tassazione sugli alimenti ultra-trasformati, migliorando allo stesso tempo l’accesso a frutta e verdura fresche. Un’altra misura di vitale importanza sarebbe quella di obbligare i produttori a includere informazioni più chiare sulle etichette, per aiutare i consumatori a fare scelte migliori”.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos, AdobeStock

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

bambina integratore

Bambini e dieta, negli USA un genitore su due dà integratori alimentari ai propri figli

Negli Stati Uniti circa il 50% dei genitori di bambini al di sotto dei dieci …

Un commento

  1. apparentemente ci si ostina a non comprendere quanto vitale sarebbe intervenire nelle scuole per formare gli studenti sin dalla tenera età.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *