Home / Etichette & Prodotti / Alimenti zuccherati e industriali per i neonati: in Gran Bretagna la situazione peggiora

Alimenti zuccherati e industriali per i neonati: in Gran Bretagna la situazione peggiora

bambino pappa svezzamento autosvezzamentoNon migliora la situazione degli alimenti per bambini molto piccoli, almeno in Gran Bretagna. Negli ultimi anni si è infatti ampliata l’offerta di cibi industriali e, quel che è peggio, è cresciuta la quantità di zuccheri presenti. Questo il quadro, sconfortante, che esce da un’indagine effettuata dai ricercatori dell’Università di Glasgow, che hanno voluto controllare l’andamento del mercato tra il 2013 e il 2019, verificando tutti i prodotti venduti in negozio e on line per i bambini a partire dai 4 mesi di età.
Come riferito sugli Archives of Disease in Childhood, in totale sono stati individuati 898 alimenti industriali dedicati alla prima infanzia, con un aumento dell’84% di marchi e un raddoppio di prodotti rispetto al 2013. I marchi identificati sono stati 32 (27 dei quali assenti nel 2013). Per quanto riguarda la formulazione, 611 (pari al 68% del totale) sono prodotti da mangiare con il cucchiaino, mentre la rimanente quota del 28% circa sono secchi.

Anche se la proporzione tra dolci e salati è rimasta più o meno la stessa, nel 2019 è diminuita la proporzione di alimenti che i pediatri giudicherebbero adeguati per i bambini di quattro mesi, sono passati dal 43 al 23%, mentre per la fascia di età 6-7 mesi la situazione è stata opposta: i cibi adatti sono passati dal 33 al 43% del totale.
Lo zucchero per i prodotti pronti da mangiare con il cucchiaino è aumentato del 6% in generale e del 16% negli alimenti salati. Dolcissimi anche gli snack, addizionati di sciroppi dolci nel 29% dei casi in generale e nel 18% di quelli ufficialmente salati (compresi quelli che, in etichetta, avevano almeno il 50% di contenuto in frutta o verdura). Questi snack sono aumentati considerevolmente di numero: se nel 2013 erano 42, nel 2019 sono arrivati a 185, e nell’80% dei casi si trattava di alimenti pronti da consumare con il cucchiaino.

Alimenti per neonati
Negli alimenti per neonati è cresciuta la quantità di zuccheri presenti

Nonostante i genitori siano invitati a dare ai propri neonati alimenti fatti in casa con materie prime sane e semplici, senza zucchero e inizialmente senza sale, in Gran Bretagna il 58% dei piccoli cresce con alimenti industriali soprattutto nella fascia tra 6 e 12 mesi. Nonostante i pediatri invitino le madri a iniziare gradualmente e solo dopo i sei mesi, diversi studi (anche dello stesso gruppo dell’Università di Glasgow) permane il bombardamento mediatico rivolto ai genitori di neonati di 4 mesi. Il risultato è che molti bambini iniziano a consumare alimenti industriali con zucchero non appena sono svezzati, con conseguenze sulla salute (dal metabolismo alla carie). Per questo gli autori si augurano regole più severe sulla pubblicità specifica e sul packaging di questi prodotti e linee guida che aiutino i genitori a comprendere meglio che cosa è meglio dare ai propri bambini.

© Riproduzione riservata

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Trendy ugly organic vegetables. Assortment of fresh eggplant, onion, carrot, zucchini, potatoes, pumpkin, pepper in craft paper bag over green background. Top view. Cooking ugly food concept. Non gmo vegetables

Frutta e verdura imperfetta, il movimento dell’ugly food contro lo spreco si diffonde anche in Italia

La lotta allo spreco, che interessa circa un terzo del cibo prodotto nel mondo, inizia …

Un commento

  1. Avatar
    Giulio Calderoli

    Agnese Codignola come sempre attenta all’argomento …