Home / Nutrizione / Alimenti per bambini: troppi zuccheri e sale. In assenza di regole occorre leggere le etichette

Alimenti per bambini: troppi zuccheri e sale. In assenza di regole occorre leggere le etichette

Siblings Peeking Over Counter At Row Of Cupcakes
Gli alimenti per bambini piccoli, da uno e tre anni, sono molto spesso pieni di zuccheri e sale

Negli Stati Uniti gli alimenti per bambini piccoli, da uno e tre anni, sono molto spesso pieni di zuccheri e sale, e non andrebbero quindi proposti, se non si vogliono porre le basi di un’alimentazione scorretta. La situazione è migliore per quanto riguarda le prime pappe dopo lo svezzamento: in quel caso i prodotti sono preparati con maggiore attenzione. Questo il quadro che emerge da uno studio pubblicato su Pediatrics dai ricercatori dei Centers for Disease Controls di Atlanta, che hanno analizzato i dati contenuti in un grande database aggiornato al 2012 di oltre mille tra pietanze pronte, alimenti singoli, bevande, cereali da colazione e altri prodotti per l’infanzia.

 

Baby refuses to eat
Tra i cibi per neonati non sono quasi presenti zuccheri aggiunti

Secondo le indicazioni delle società di pediatria e delle autorità sanitarie, la quantità giornaliera di sodio assunto deve essere pari a 120 milligrammi per i neonati tra 0 zero e sei mesi, a 370 milligrammi tra sette e 12 mesi e a mille mg tra une e tre anni. Questi limiti sono stati rispettati in tutti i 650 prodotti per i pasti e le colazioni consigliati ai bambini fino all’anno di età, che effettivamente contengono poco sodio. Ma la situazione si è rivelata molto diversa per gli alimenti per i più grandi: circa tre quarti dei pasti, infatti, ha un tenore elevato di sodio, cioè ne contiene più di 210 milligrammi a porzione.

Per quanto riguarda lo zucchero, gli autori hanno deciso di marchiare con una bandierina rossa tutti i prodotti nei quali più del 35% delle calorie proviene da zuccheri o nei quali è stato aggiunto almeno uno zucchero (tra i quali fruttosio, miele, sciroppo di mais e altri), e hanno così trovato una situazione analoga a quella del sale. Mentre tra i cibi per neonati non sono quasi presenti zuccheri aggiunti, metà dei cereali pronti e dei preparati a base di frutta ha una bandiera rossa, e a contenere troppi zuccheri non sono solo i cibi più scontati quali merendine, succhi di frutta e dolci, ma anche il 61% dei prodotti a base di latte quali gli yogurt.

 

fun food for kids on wooden background
Gli autori sconsigliano di acquistare prodotti ove vi siano zuccheri o sale aggiunti

Fino a quando non ci saranno regole specifiche” hanno commentato gli autori “non possiamo fare altro che consigliare caldamente i genitori di consultare sempre le etichette di ciò che comprano, evitando di acquistare prodotti ove vi siano zuccheri o sali aggiunti, scegliendo sempre quelli nei quali è espressamente detto che vi è poco sale o zucchero. Gli zuccheri sono più difficili da individuare, e bisogna fare ancora più attenzione alle diciture, scartando gli alimenti in cui siano indicati zuccheri di canna, sciroppi, malto e succhi di frutta concentrati. Per quanto riguarda il sale, bisogna evitare alimenti che contengano più di 140 milligrammi di sodio per porzione”.

 

La situazione probabilmente è simile anche in altri Paesi: laddove si è andati a controllare, concludono i ricercatori dei CDC, come in Gran Bretagna e in Canada, i risultati sono stati del tutto simili.

 

 Agnese Codignola

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Supplements for sports omega in wooden spoons. Sport background. Healthy nutritional supplements. Sport, diet concept. Food supplement.

Integratori alimentari, quasi nessun effetto positivo sulla salute. L’ennesima conferma da uno studio americano

Quasi nessuna delle linee guida delle società medico-scientifiche lo consiglia, eppure moltissime persone assumono regolarmente …