Home / Nutrizione / Un dieta ricca di alimenti biologici potrebbe ridurre il rischio di cancro. Lo sostiene uno studio francese, ma sono necessarie ulteriori ricerche

Un dieta ricca di alimenti biologici potrebbe ridurre il rischio di cancro. Lo sostiene uno studio francese, ma sono necessarie ulteriori ricerche

Fresh organic vegetablesUn’alimentazione ricca di cibi biologici potrebbe proteggere da alcuni tipi di cancro. A suggerirlo è uno studio pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine dai francesi dell’Istituto nazionale per la salute e la ricerca medica. Secondo la ricerca, chi segue una dieta ad alto contenuto di alimenti biologici potrebbe avere un minore rischio di sviluppare due tipi di cancro in particolare – il linfoma non-Hodgkin e il carcinoma al seno post-menopausale – rispetto a chi non li consuma.

Allo studio hanno partecipato quasi 70 mila volontari adulti, che sono stati seguiti in media per quattro anni e mezzo. In questo periodo durante ai partecipanti è stato fatto compilare un questionario sulla frequenza di consumo di 16 prodotti biologici, compresa frutta e verdura, carne, cereali e cibi pronti. La dieta dei volontari è stata valutata compilando diari alimentari sull’intera giornata per giorni assegnati casualmente.

Durante il monitoraggio, tra i partecipanti sono stati registrati 1.340 casi di cancro, soprattutto tumori al seno (439), alla prostata (180), alla pelle (135), al colon retto (99) e linfomi non-Hodgkin (47). Analizzando i dati, i ricercatori hanno osservato che chi segue una dieta ad alto contenuto di cibi bio avrebbe un rischio del 25% più basso di andare in contro a qualsiasi tipo di cancro, e in particolare del 21% di sviluppare un tumore al seno e addirittura del 73% per i linfoma non-Hodgkin.

Gli autori spiegano questi risultati affermando che una dieta ricca di alimenti biologici riduce la quantità di pesticidi e fitofarmaci introdotti nell’organismo. I ricercatori ricordano  che, anche se presenti in quantità sotto i limiti di sicurezza, sono ancora poco sconosciuti le conseguenze di interazione tra le sostanze – il cosiddetto effetto cocktail – e di un’esposizione a lungo termine ai bassi dosaggi. Se questi dati saranno confermati – promuovere un’alimentazione ricca di cibi bio potrebbe rivelarsi un importante strumento di prevenzione.

Woman at the food market
Uno studio francese afferma che una dieta ricca di alimenti biologici potrebbe ridurre il rischio di cancro

Anche se i risultati sembrano promettenti, è necessario procedere con le dovute cautele. Uno studio simile condotto nel Regno Unito su una popolazione più ampia – il Million Women Study – non aveva individuato alcuna correlazione tra dieta ricca di prodotti bio e minor rischio di cancro. Inoltre, la ricerca francese ha alcuni limiti. Più di tre quarti dei soggetti erano donne, di età media intorno ai 45 anni di età, di ceto medio-alto e ad alta scolarizzazione, e molto probabilmente con un’attenzione alla salute e all’alimentazione superiore alla media della popolazione generale. Quindi, per scoprire se sia proprio il cibo a diminuire il rischio di cancro o intervengano altri fattori nello stile di vita, che questo studio ha ignorato, non resta che condurre ulteriori ricerche.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

cirfood food shuttle 2018 c

Food Shuttle: l’educazione alimentare atterra nelle scuole tra esperienze sensoriali e hi-tech

Si può rendere l’educazione alimentare interessante come un’avventura su una navicella spaziale o una visita …

Un commento

  1. Molta prudenza nell’accettare le evidenze sugli effetti dannosi delle sostanze presenti negli alimenti, molta prudenza nell’accettare le evidenze vantaggiose degli alimenti biologici puliti ed i riscontri positivi conseguenti ad un consumo abituale.
    Il principio di precauzione non prevede la prima prudenza, ma sicuramente promuove la seconda a pieni voti.
    Poi ognuno si faccia la propria opinione e coltivi il proprio orticello bio o non bio liberamente, ma con molta prudenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *