Home / Nutrizione / Cibo & decessi: una morte su cinque causata dalla cattiva alimentazione, tra eccessi e carenze. Lo studio pubblicato su The Lancet

Cibo & decessi: una morte su cinque causata dalla cattiva alimentazione, tra eccessi e carenze. Lo studio pubblicato su The Lancet

Food high in protein on table, close-upContinua, da parte di The Lancet, la pubblicazione degli studi che certificano quanto il cattivo cibo danneggi la salute a livello globale. Nell’ultimo rapporto del Global Burden of Disease Study le cifre sono scioccanti: il 20% dei decessi dovuti a malattie non trasmissibili nel mondo sarebbe dovuto all’alimentazione. Il che, per il 2017, significa 11 milioni di morti.

Nello studio sono stati presi in esame i dati di 195 paesi tra il 1990 e il 2017, relativi a 15 tipi di alimenti, consumati in quantità più o meno elevate: frutta, verdura, legumi, cereali integrali, noci e semi, latte, fibre, calcio, acidi grassi Omega 3 derivanti dal pesce, acidi grassi polinsaturi, carni rosse e lavorate, bevande zuccherate, acidi grassi trans e sodio. Si è tenuto conto della variabilità dei dati del consumo disponibili (non per tutte le categorie se ne sono trovati di attendibili in ogni Paese) e si è determinato che, nonostante la variabilità statistica, il numero maggiore di decessi (più della metà) è associato a regimi alimentari ricchi di sodio, poveri di cereali integrali e frutta. Nel complesso, questo tipo di alimentazione sarebbe stato causa di 10 milioni di decessi per patologie cardiovascolari, 913 mila per tumore e 339 mila per diabete nell’intero periodo.

Nessun Paese può essere considerato virtuoso: da nessuna parte il consumo di tutti e 15 gli alimenti è soddisfacente, e la promozione arriva solo per qualche categoria in ogni zona esaminata. Così, per esempio, nell’Asia centrale si consumano abbastanza verdure, nell’Asia del Pacifico sufficienti Omega 3 derivanti dal pesce, nei Caraibi abbastanza legumi e così via. Le carenze più gravi riguardano genericamente i cereali integrali e le noci (la media mondiale del consumo è pari al 12% rispetto alle quantità ottimali, pari a 21 grammi al giorno), mentre gli eccessi peggiori sono le solite bevande zuccherate (49 grammi in media, contro i 3 consigliati), le carni lavorate e il sodio. Non va molto meglio con il latte: il consumo medio è del 16% delle dosi consigliate (71 grammi al giorno contro 435) e lo stesso vale per i cerali integrali, dei quali se ne mangiano meno di un quarto di quelli auspicabili, mentre si eccede con le carni rosse (in media se ne consuma il doppio) e con il sodio (l’86% in più).

Gli stessi dati si ritrovano seguendo i consumi dal punto di vista geografico: pur con le differenze dovute alle culture alimentari e alla posizione, nessuna area è immune da squilibri, eccessi e carenze. Lo studio costituisce un’importante fotografia della situazione attuale, una base scientifica per la progettazione di interventi mirati e un monito affinché si faccia di più per migliorare l’alimentazione: ovunque.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Funny overweight sportsman lying down exhausted on the gym's floor

La ministra Giulia Grillo propone contro l’obesità buoni per attività fisica. Una ricetta inefficace che però piace alle multinazionali

L’ultima proposta della ministra della Salute Giulia Grillo, per contrastare l’epidemia di obesità e sovrappeso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *