Home / Sicurezza Alimentare / Aldeide perillica: l’aroma che procura danni al DNA nel fegato va eliminato dagli alimenti

Aldeide perillica: l’aroma che procura danni al DNA nel fegato va eliminato dagli alimenti

Herbal drop from a dropper
L’aldeide perillica andrà sostituita: l’Associazione degli aromatizzanti gioca d’anticipo

L’associazione europea degli aromatizzanti (European Flavour Association – EFFA) sta giocando d’anticipo e ha chiesto ai propri associati di eliminare l’aldeide perillica dalle proprie formule e di cercare dei sostituti di questa sostanza. La richiesta di non usare più l’aroma arriva in seguito  al parere scientifico dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), secondo cui la sostanza aromatizzante nota come “aldeide perillica” o “perillaldeide” (p-menta-1,8-diene-7-al) è genotossica e procura danni al DNA nel fegato.

L’Associazione europea degli aromatizzanti puntualizza che quando ha inviato all’Autorità europea (Efsa) i dati scientifici che supportavano l’utilizzo dell’aldeide perillica, gli esperti dell’industria non ritenevano che ci fosse un problema di genotossiticità.

Barman serving a cocktail from a shaker
L’aldeide perillica viene utilizzata per dare odore agrumato

In effetti, una prima valutazione scientifica del 2002 aveva concluso che, agli attuali livelli di assunzione, l’aldeide perillica non poneva problemi di sicurezza. Nel 2008, la Commissione europea aveva chiesto all’Efsa di effettuare una nuova valutazione e nel 2012 l’industria degli aromi  aveva presentato i primi dati. L’anno successivo, l’Efsa ha concluso che la sostanza era potenzialmente genotossica e ha  richiesto un ulteriore studio per determinare i potenziali effetti sul fegato e sullo stomaco. La nuova ricerca, presentata nel 2014, ha indotto gli esperti dell’Efsa a eliminare l’avverbio “potenzialmente” e ad affermare che l’aldeide perillica causa danni al DNA nel fegato.

L’aldeide perillica, che è naturalmente presente nella buccia degli agrumi, è prodotta in quantità limitate e aggiunta ad alcuni prodotti alimentari da forno, dolci, prodotti a base di carne e bevande alcoliche e non alcoliche, per ottenere un odore pungente e agrumato e un sapore legnoso, speziato, di agrumi.

 

 

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Word STOP from colored pills and capsules on green background. Medicines and tablets kill

Gli integratori alimentari per le cartilagini sono pericolosi per diabetici, asmatici e allergici ai crostacei. Il parere dell’Anses

I diabetici, gli asmatici, chi è allergico ai crostacei, assume terapie anticoagulanti o deve stare …

10 Commenti

  1. Buonasera, volevo porle una domanda, visto che per ragioni di salute mi trovo a usare olio di Perilla, come integratore di Omega3: l’aldeide perillica è contenuta nella Perilla?
    Non mi fate preoccupare, mi raccomando!

  2. Ma che senso ha eliminare una sostanza tossica per sostituirla con un’altra che al momento è giudicata sicura ma tra 10 anni sarà altrettanto tossica?

  3. Buonasera. Ho letto l’articolo e spiega che questa sostanza è presente naturalmente nella buccia degli agrumi. Quindi a questo punto è sconsigliato l’utilizzo della scorza di limone?

  4. Riferendomi a quanto ha scritto Stefano, io faccio in casa la marmellata per la mia famiglia e quella di arance è una delle preferite. Leggendo questa cosa mi faccio delle domande….quanto potrebbe esserci nociva?? esiste un modo per eliminare il più possibile l’aldeide dalla buccia (tipo facendo bollire a parte le bucce…)??grazie

  5. Molto interessante. Ennesima ragione in più per non bere aranciate..!!

  6. http://www.efsa.europa.eu/it/press/news/150723 il giudizio dell’EFSA si limita a valutare la genotossicita epatica dell’aldeide perillica e non si pone questioni di dosaggio (anche se ammette una qualche debolezza nel gruppo di controllo del lavoro che é stato decisivo per toglire l’aggettivo potenziale davanti alla parola genotossicità). In mancanza di dosi di tossicità anche il consumo della buccia degli agrumi é da considerare almeno potenzialmente pericoloso. L’aldeide perillica é la medesima sia che di origine alimentare e pre-esistente, sia che venga aggiunta e derivi da sintesi, non é che diventa più buona negli agrumi, e se così fosse va dimostrato. É chiaro che, cum grano salis, si capisce, anche dal tono delle comunicazioni dell’agenzia, che non parliamo mica di diossina, quindi grattare una scorza di limone ogni tanto non renderà cirrotico nessuno. Saluti.

  7. Qualcuno conosce la sigla, in notazione E… di questo aroma?

  8. Anch’io sono un accanito produttore e consumatore di agrumi e marmellate di agrumi.
    Sarebbe il caso che a dare una risposta alle domande che poniamo al “Fatto alimentare” sia invitato qualche istituto e/o dipartimento universitario specializzato sulla questione, al fine di fugare ogni dubbio in merito.
    Cordialità.