Home / Tecnologia e Test / Nuovo spazio e sostegno alle start up agroalimentari con il progetto Agrofood Bic

Nuovo spazio e sostegno alle start up agroalimentari con il progetto Agrofood Bic

agrofood Bic Agrofood Bic è un  polo creato da un gruppo di aziende che ruotano intorno al mondo agro alimentare  (Granarolo, Gellify, Camst, Conserve Italia, Cuniola Società Agricola ed Eurovo) per creare nuove start-up. I segmenti su  cui progettare  spaziano dall’ealthy food alla tracciabilità dei prodotti, dall’imballaggio sostenibile al food delivery sino all’agricoltura di precisione.  L’iniziativa prevede il finanziamento per il primo anno di una mezza dozzina di progetti con 15 mila euro l’uno, con la possibilità di essere rivitalizzati con altri 20 mila euro.

Le start-up saranno selezionate  da un comitato scientifico. La novità rispetto ad altre iniziative simili presenti sul territorio è che le nuove idee potranno trovare ascolto e supporto nelle varie aziende di Agrofood Bic, che metteranno a disposizione laboratori, esperti e quant’altro, per risolvere  le difficoltà organizzative, operative e strategiche necessarie per arrivare a un risultato. Questo contributo logistico è molto interessante perché sono queste spesso le difficoltà maggiori che incontrano le start up per affermarsi sul mercato.

Tra i soggetti che collaboreranno al nuovo incubatore ci sono anche l’università di Bologna, Enea, l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, e Aster, la società della Regione per la ricerca l’innovazione.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Feel the Peel juice bar economia circolare arance spremute

Economia circolare: nel juice bar sperimentale di CRA ed Eni, le bucce delle arance si trasformano in bicchieri per la spremuta

Che fine fanno le bucce di tutte le arance che spremiamo, a casa o al …