Home / Pianeta / Nella Ue la superficie coltivata ad agricoltura biologica è aumentata del 46% dal 2012. In Italia il 15,2% della superficie è bio

Nella Ue la superficie coltivata ad agricoltura biologica è aumentata del 46% dal 2012. In Italia il 15,2% della superficie è bio

agricoltura biologica UE

La superficie destinata all’agricoltura biologica nell’Unione europea era di 13,8 milioni di ettari nel 2019, corrispondente all’8,5% della superficie agricola totale. Si tratta di un incremento del 46% se viene considerato il periodo compreso dal 2012 al 2019. Tra gli Stati membri con le maggiori quote di superficie troviamo l’Austria (25,3% della superficie agricola utilizzata totale), Estonia (22,3%) e Svezia (20,4%), seguiti da Repubblica Ceca  e Italia (entrambi 15,2 %), Lettonia (14,8%) e Finlandia (13,5%).

Tutti i restanti Stati membri dell’UE hanno una quota di superficie di agricoltura biologica pari o inferiore all’11%, con le proporzioni più piccole osservate nei Paesi Bassi (3,7%), Polonia (3,5%), Romania (2,9%), Bulgaria (2,3%), Irlanda(1,6%) e Malta (0,5%). Per maggiori informazioni Ulteriori statistiche sulla superficie biologica, inclusa l’area in conversione, la produzione biologica e il numero di aziende agricole completamente biologiche possono essere trovate nell’articolo Statistics Explained Statistiche sull’agricoltura biologica.

Nota: La superficie biologica totale è la somma della “superficie in conversione” e della “superficie certificata”. Prima che una zona possa essere certificata come “biologica”, deve subire un processo di conversione, che può richiedere 2-3 anni a seconda della coltura. 

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Il pranzo di Napoleone era sempre rapido, anche se apprezzava fagiano, pollo e prosciutto

Napoleone Bonaparte (1769 – 1821), del quale il 5 maggio 2021 si celebra i bicentenario …