Home / Nutrizione / L’acqua non va bevuta durante i pasti. L’ennesima bufala viene smentita dall’Iss

L’acqua non va bevuta durante i pasti. L’ennesima bufala viene smentita dall’Iss

acquaMolte persone ritengono erroneamente che sia una buona cosa non bere acqua durante i pasti. Si tratta di una convinzione errata, come chiarisce l’Istituto superiore di sanità (Iss) in  un articolo pubblicato nella sezione del sito Falsi miti e bufale. Chi non beve acqua durante il pranzo o la cena crede di digerire più facilmente e di dimagrire in modo più rapido. Non è vero. Bere una giusta quantità di acqua durante il pasto, non oltre i 600-700 ml, pari a due o tre bicchieri, migliora la consistenza degli alimenti rendendoli più digeribili.  Assumendo eccessive quantità di liquido c’è la possibilità che i succhi gastrici possano  leggermente allungare i tempi di digestione. L’altra cosa da dire è che, l’abitudine di bere solo prima dei pasti non ha di per sé alcun effetto dimagrante. Nella migliore delle ipotesi può favorire il senso di sazietà, portando a ridurre la quantità di cibo assunta.

Anche l’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (Inran) dedica un capitolo  delle Linee guida all’acqua e demolisce una serie di false credenze. La prima riguarda la teoria secondo cui l’acqua fa ingrassare e provoca ritenzione idrica. L’acqua non contiene calorie e le variazioni di peso dovute all’ingestione o all’eliminazione sono del tutto momentanee. La ritenzione idrica è poi un fattore correlato soprattutto alla presenza di sale e di altre sostanze nel cibo, e solo in parte alla quantità di acqua che ingeriamo nonché a fattori metabolici e ormonali. Un’altra falsa convinzione riguarda l’acqua gassata considerata un elemento negativo per via delle bollicine. Si tratta di un mito da sfatare visto che sia l’acqua naturalmente gassata, sia quella addizionata con gas non crea problemi alla salute. Solo quando la quantità di gas è molto elevata, le persone che già soffrono di disturbi gastrici e/o intestinali possono avere dei problemi.

L’acqua svolge un ruolo indispensabile e vitale in quasi tutti i processi biologici del nostro corpo, quindi è importante bere spesso ma poco per volta almeno 1,5 litri al giorno. I bambini e gli anziani devono stare particolarmente attenti perché il problema della  disidratazione rappresenta un rischio più ricorrente. Se sui i piccoli è più semplice intervenire, gli anziani a volte si rifiutano di bere se non quando sentono lo stimolo della sete che però viene progressivamente a mancare con l’avanzare degli anni.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Elena Mattioli

Guarda qui

Arriva Levissima Più: acqua minerale addizionata con potassio, magnesio o zinco. Ma è davvero necessaria?

Per la prima volta in Italia un produttore di acque in bottiglia, Levissima, propone tre …

Un commento

  1. Secondo me è indispensabile assumere 2 litri d’acqua al giorno, dovuti al totale d’acqua portata dagli alimenti ed acqua bevuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *