Home / Nutrizione / I cibi ricchi di acidi grassi trans mettono a rischio la salute della popolazione europea più povera

I cibi ricchi di acidi grassi trans mettono a rischio la salute della popolazione europea più povera

Melting Butter
Gli alimenti con acidi grassi trans sono ancora presenti sul mercato

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) riconosce alla regione europea un ruolo di leadership mondiale nell’eliminazione degli acidi grassi trans, che sono strettamente associati a un maggior rischio di malattie cardiovascolari e che mostrano un legame con diversi tipi di cancro. Danimarca, Austria, Ungheria, Islanda, Norvegia e Svizzera li hanno praticamente vietati attraverso limiti fissati da normative statali, mentre altri si sono affidati all’autoregolamentazione.

 

Nonostante i progressi compiuti, la mancanza di politiche o di divieti in numerosi paesi mantiene alto il livello di preoccupazione, dato che alimenti popolari con alti livelli di grassi trans sono ancora disponibili e la maggior parte dei consumatori lo ignora. In alcuni gruppi di popolazione, in particolare tra le persone più povere, il consumo di alimenti ricchi di grassi trans può essere elevato. L’Ufficio europeo dell’Oms evidenzia che, secondo i dati di un recente studio,  in alcuni paesi dell’Est europeo il consumo giornaliero di acidi grassi trans può arrivare a 30 grammi, quando è stato dimostrato che un consumo di cinque grammi aumenta del 23% il rischio di malattie coronariche. I grassi trans si trovano comunemente in alimenti trasformati contenenti oli vegetali, come alcuni tipi di margarina, diversi alimenti trasformati e confezionati, prodotti da fast food, patatine e prodotti da forno.

 

Nel presentare l’European Food and Nutrition Action Plan 2015–2020, l’Ufficio europeo dell’Oms afferma che un divieto generalizzato eliminerebbe la preoccupazione sul consumo elevato di questi acidi grassi trans da parte dei segmenti di popolazione più vulnerabili. Il divieto, però, dovrebbe essere attuato nel contesto di un generale miglioramento nutrizionale dei prodotti senza per questo aumentare la quota di  grassi saturi.

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

woman eating pretzel while traveling by train

Stop a cibo e bevande sui mezzi pubblici per combattere l’obesità: la proposta radicale che arriva dal Regno Unito

Nei giorni scorsi Sally Davies, ex Chief medical officer (CMO) del governo inglese e responsabile …

2 Commenti

  1. Avatar

    Notizia obsoleta, sono anni che siamo a conoscenza del fatto che i grassi trans sono estremamente nocivi per la salute. Perchè piuttosto non pubblicate una liste dei prodotti/marche riscontrabili sul territorio italiano, che fanno ancora uso di questo tipo di grassi? Sarebbe un’informazione molto più utile e pratica.

  2. Avatar

    La vera notizia riguarda la maggiore esposizione agli acidi grassi trans da parte dei consumatori con potere di acquisto e livello culturale inferiore, rispetto agli altri ceti. La società del progresso ancora non riesce a garantire a tutti l’accesso al cibo sano e buono. Oltre a differenti politiche di prezzo, occorre un piano radicale di educazione alimentare che aiuti i consumatori a fare la spesa badando alla qualità nutrizionale di ciò che comprano