;
Home / Pianeta / I biscotti Abbracci del Mulino Bianco in edizione speciale per gli infermieri. Previsto un incasso di 2 milioni di euro

I biscotti Abbracci del Mulino Bianco in edizione speciale per gli infermieri. Previsto un incasso di 2 milioni di euro

abbracci del Mulino Bianco 2021“Questi Abbracci sono per loro #NoiConGliInfermieri – Questa confezione supporta gli infermieri e le loro famiglie”, è quanto si legge sul pacco dei biscotti Abbracci del Mulino Bianco, confezionati in una veste speciale, per fare un regalo a tutti gli infermieri che dall’inizio dell’emergenza sanitaria hanno rischiato vita per salvare i malati di Sars-Cov 2. Il ricavato della vendita iniziata oggi e che durerà tutto il mese di gennaio, sarà devoluto alla Fnopi (Federazione nazionale ordini professioni infermieristiche) che rappresenta oltre 450mila infermieri in Italia. Lo scopo è di assistere le famiglie che hanno perso un familiare e supportare quanti, nell’affrontare la pandemia, si sono ammalati o hanno subito gravi stress fisici ed emotivi. Questa operazione di solidarietà che è previsto raggiunga i 2 milioni di euro, si aggiunge ad altre a sostegno del personale sanitario degli ospedali, dei banchi alimentari, delle associazioni locali e delle scuole.

D’altro canto basta solo ricordare come l’immagine simbolo della pandemia sia stata quella dell’infermiera bresciana finita sulla copertina del New York Times Magazine, che mostrava i segni della stanchezza e dello stress quotidiano a cui è sottoposta, da inizio pandemia, una categoria che, in questi mesi difficili, ha pagato un prezzo molto alto per il suo impegno. Ad oggi infatti (dati Inail), sono oltre 50.000 gli infermieri risultati contagiati, e  72 i decessi. La campagna #NoiConGliInfermieri contribuirà a garantire il necessario supporto alle famiglie degli infermieri deceduti e a sostenere gli infermieri costretti a vivere in quarantena, alle prese con spese non previste e contribuire al costo delle cure mediche, riabilitative e psicologiche degli infermieri che si sono ammalati.

La campagna #NoiConGliInfermieri contribuirà a garantire il necessario supporto agli infermieri

Il Fondo di Fnopi ha raccolto in soli 7 mesi 4 milioni di euro. Un  milione e 850 mila euro le erogazioni già corrisposte a centinaia di infermieri in difficoltà e 2.800 le domande ricevute dalla Federazione al 1° dicembre 2020. L’iniziativa di Barilla aiuterà a incrementare questo fondo fornendo un aiuto concreto ad altre migliaia di infermieri in difficoltà.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Influenza aviaria 2021: quasi 3 milioni i tacchini e i polli coinvolti. Peggio che nel 2017

L’epidemia di influenza aviaria sottotipo H5N1 ad alta patogenicità (HPAI) si espande nel nord Italia e …

3 Commenti

  1. Avatar

    Io sono sempre dubbioso sulle iniziative che abbinano beneficenza a parte commerciale. Preferisco le raccolte dirette. Poi che dovrei fare, cambiare il biscotto che gradisco per dare una mano? E i biscotti degli altri produttori che fine fanno? Ognuno farà come ritiene giusto. Ovviamente un grazie immenso ai nostri operatori sanitari

  2. Avatar

    sarebbe interessante poter scegliere per aiutare -tra una raccolta fondi (offerta libera) -e
    l’iniziativa da parte di un’azienda-infinita gratitudine a tutti i sanitari che si sacrificano e si sono sacrificati per il bene di tutti-grazie

  3. Avatar
    Margherita Locatelli

    Tutto il rispetto per gli Infermieri e le Infermiere che molto hanno dato in questo ultimo anno. Trovo però ingiusto e irrispettoso limitare a loro gratitudine ed iniziative. Lo stesso rispetto e stima va anche a tutti gli altri operatori raramente citati che, come loro, hanno rischiato e a volte pagato per aver assistito persone affette da COVID. Ringrazio Luigina e Francis che hanno usato il termine operatori sanitari e non Infermieri…