Home / Pubblicità & Bufale / Acqua Uliveto e Rocchetta, la pubblicità arriva negli studi dei medici. Il disappunto degli ordini professionali

Acqua Uliveto e Rocchetta, la pubblicità arriva negli studi dei medici. Il disappunto degli ordini professionali

uliveto medici posterCosa ci fa, in uno studio medico, un manifesto che invita a consumare acqua minerale Uliveto e Rocchetta, definite “acque della salute” elencandone le qualità con toni simili a quelli di uno spot? Uliveto è indicata come “utile contro la stipsi e per digerire bene“, l’acqua Rocchetta è invece consigliata perché “aiuta la diuresi e previene la ritenzione idrica”.

L’iniziativa ha provocato qualche malcontento, oltre che tra i pazienti, anche nelle fila dei medici di base nei confronti della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG), il principale sindacato di categoria, che ha stipulato un accordo con l’azienda produttrice delle acque minerali. Il motivo della polemica è che tra i medici che espongono il manifesto verranno sorteggiate 100 crociere week-end per due persone sul veliero La signora del vento, nell’ambito di quella che appare una vera e propria operazione di marketing.

uliveto medici concorsoIl regolamento del concorso invita i medici che intendono partecipare al concorso a registrarsi in una sezione del sito accessibile solo ai tesserati FIMMG. In questo modo si riceve il materiale promozionale da affiggere nella sala d’aspetto per almeno 365 giorni “in modo che sia ben visibile“. Ai partecipanti si chiede di inviare una foto “che mostri in modo chiaro ed evidente l’avvenuta affissione del poster stesso“.

L’azienda inoltre finanzia per i medici FIMMG incontri di approfondimento sul tema delle acque minerali, oltre a borse di studio destinate a giovani medici in formazione.

«Si tratta – spiega a Il Fatto Alimentare il segretario FIMMG Giacomo Milillo – di una collaborazione che punta ad una crescita professionale dei medici, basata su un rapporto di fiducia con l’azienda, nato dopo una verifica della qualità del prodotto e dei sistemi di produzione e imbottigliamento». L’importanza di una corretta idratazione non è in discussione «è un messaggio che ripeto in ogni intervista», ricorda Milillo.

uliveto medici velieroIl discorso di Millillo può essere corretto, ma viene da chiedersi quanto sia giusto invitare i pazienti a consumare una marca di acqua minerale sollecitati da premi o altri incentivi che poco hanno a che fare con la medicina. «In Italia – continua Millillo – l’acqua di rubinetto è sicura dal punto di vista organolettico e della contaminazione batteriologica, però è risaputo che la qualità degli acquedotti italiani non è eccezionale. Questa iniziativa non condiziona le scelte dei medici: si tratta di materiale pubblicitario che non pone problemi etici, e fornisce informazioni utili sulle caratteristiche di queste acque».

Purtroppo la storia della FIMMG che sponsorizza Uliveto e Rocchetta non è un caso isolato. L’utilizzo delle associazioni di categoria dei medici e degli studi professionali per diffondere messaggi pubblicitari è una cattiva abitudine del passato. In Italia non esistono leggi che vietino la promozione dei beni di consumo da parte delle associazioni di medici e questo permette il fiorire di iniziative discutibili sul piano etico.

Qualche anno fa sull’etichetta della bottiglia compariva il logo dell’Associazione Italiana Donne Medico (Aidm). Adesso sui tre siti dell’azienda: Acque della salute, Rocchetta e Uliveto, le associazioni di categoria che compaiono sono tre: Aigo (Associazione Italiana Gastroneterologi ed Endoscopisti Digestivi Ospedalieri), l’Aidm e i medici urologi della C.l.u (Club della litiasi urinaria).

uliveto medici partecipareAnche l’acqua minerale Lauretana utilizzava come testimonial l’Associazione Urologi Piemontesi, mentre la Federazione Italiana Medici Pediatri aveva stipulato un patto con il Consorzio Tutela Grana Padano. Le scelte di queste associazioni di medici continuano a suscitare pesanti polemiche. Qualche anno fa il presidente dell’Ordine di Milano, Roberto Anzalone dichiarava di «non condividere e di non ritenere etico e neppure scientifico sponsorizzare prodotti di consumo da parte di qualsiasi associazione medica».

Lo stesso concetto viene ribadito anche da Amedeo Bianco presidente della Fnomceo (Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri) «I medici e gli odontoiatri, singolarmente e come rappresentanza associativa, non dovrebbero consentire  che un banale consiglio per gli acquisti venga legittimato nella comunicazione pubblicitaria quale autorevole indicazione terapeutica».

Come si vede i principi etici e deontologici esistono, ma a volte i finanziamenti degli sponsor inducono a dimenticarli.

Paola Emilia Cicerone e Roberto La Pira

Foto: Signoradelvento.com, Acquedellasalute.it

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

croccole artigianali capitan findus

Findus: le Croccole non sono artigianali. Censurati gli spot in tv e le confezioni. La pronuncia del Giurì

Il Giurì dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria, con la pronuncia 56/2019 del 25 ottobre, ha censurato …