Home / Archivio dei Tag: vinitaly

Archivio dei Tag: vinitaly

Vino biologico, naturale, biodinamico o “libero”? Quali sono le differenze e come scegliere il migliore

vino naturale 2018

Le vendite di prodotti biologici e “green” da anni sono in aumento e nemmeno il vino sfugge a questa tendenza. Vinitaly, la più importante manifestazione di settore nel nostro Paese, ospita dal 2014 Vinitalybio (link), un salone nel salone riservato ai vini biologici. L’edizione 2018 ha ospitato 74 cantine biologiche, e altre 50 sono rimaste in lista d’attesa per mancanza …

Continua »

Expo 2015: presenti Illy, Lavazza, San Pellegrino, Coop e Eataly. Assente Barilla. In forse Grana Padano. Affiti esagerati: un milione di euro per 100 mq

Quando Il Fatto Alimentare ha incontrato al 29° piano del grattacielo Pirelli di Milano  (il 24 aprile 2014) lo staff del Padiglione Italia di Expo 2015 sembrava che tutto procedesse in modo regolare per inaugurare tra un anno la grande esposizione universale sul cibo. Era difficile prevedere uno scandalo di cos’ì vaste proporzioni sul pagamento di  tangenti  come quello emerso …

Continua »

Il vino “naturale”, quello “libero” e il “biologico” non sono affatto la stessa cosa. FederBio fa chiarezza e spiega le differenze tra marketing e normativa

vigneti vino

Le pagine di pubblicità del cosiddetto vino “libero” apparse sui quotidiani nazionali negli ultimi mesi hanno gettato un po’ di scompiglio e di confusione sui concetti che ruotano attorno a naturalità e produzioni biologiche. Il Fatto Alimentare, con l’aiuto di FederBio, prova a fare un po’ di chiarezza.   Oscar Farinetti, patron di Eataly, oltreché di Tenuta Fontanafredda (vino), del …

Continua »

Vendere il vino direttamente ai turisti europei comporta il raddoppio dei costi di spedizione. Una norma assurda da modificare

vino 112273225

Si avvicina il rendez-vous primaverile dei cultori di Bacco, il Vinitaly di Verona.  Migliaia di visitatori stranieri vengono  in Italia per conoscere le realtà produttive,  ma non potranno ordinare neppure un paio di cartoni ai viticoltori conosciuti in loco, perché quando il trasporto supera i confini nazionali raddoppiano i costi di spedizione.   Conoscere di persona chi produce il cibo …

Continua »