Home / Richiami e ritiri / Buchi e bachi del sistema di allerta alimentare italiano. Due mesi per segnalare un problema, tre per le analisi di revisione e concludere che l’allerta era sbagliato

Buchi e bachi del sistema di allerta alimentare italiano. Due mesi per segnalare un problema, tre per le analisi di revisione e concludere che l’allerta era sbagliato

allerta alimentare italiano uova allerta 138053525
In alcune occasioni l’efficienza e la rapidità del sistema di allerta alimentare italiano lasciano a desiderare

Il sistema di allerta alimentare italiano dovrebbe essere una struttura efficiente, immediata e precisa,  in grado di comunicare velocemente ai consumatori e alle aziende i pericoli rilevati nel corso di controlli e analisi. In realtà spesso l’efficienza e la rapidità lasciano a desiderare, come dimostra la vicenda che racconteremo, resa volutamente anonima, anche se nei nostri archivi c’è tutta la documentazione.

 

La storia inizia a fine ottobre quando un’Asl del Centro Italia nel corso di analisi di laboratorio trova in una conserva in scatola un allergene non dichiarato in etichetta. L’azienda produttrice si difende dicendo che l’allergene non si usa in tutto lo stabilimento, inoltre il prodotto è in vendita da quasi un anno e in questo periodo non ci sono state segnalazioni da parte dei consumatori. In ogni caso la ditta procede con i controlli analitici sui propri lotti incriminati senza riscontrare tracce dell’allergene individuato dall’Asl.

 

allerta alimentare italiano uova allerta 177534603
La storia che raccontiamo è documentata e inizia a fine ottobre quando un’Asl del Centro Italia riscontra un allergene non dichiarato in etichetta in una conserva

Come forma di  prevenzione l’azienda, in accordo con l’Asl blocca le scatolette rimaste nei magazzini, ma non procede al ritiro delle confezioni ancora presenti sugli scaffali dei supermercati. Si decide anche una revisione di analisi che viene fissata alla fine di gennaio 2014 (tre mesi dopo la contestazione).

Il colpo di scena arriva prima di Natale, quando il Ministero della salute invia una segnalazione al Sistema di allerta rapido alimentare europeo (Rasff). La fine di questa storia è tragicomica. Le controanalisi condotte a fine gennaio confermano l’assenza di tracce dell’allergene e l’allerta viene chiusa.

 

La vicenda merita alcune riflessioni. Come può un sistema di allerta rapido essere così poco tempestivo? Se il problema era serio perché la segnalazione viene inviata al Sistema di allerta europeo dopo due mesi? Perché in Italia non è stata avviata una campagna di richiamo per avvisare i consumatori del pericolo? E come mai si aspettano tre mesi per le controanalisi?

Se l’azienda contesta i risultati perchè non si effettua immediatamente la revisione di analisi verificando se esiste davvero il problema? Un’ultima domanda sorge spontanea: ci sono criteri e parametri analitici per condurre un’analisi del rischio tale da scegliere tra ritiro del prodotto o richiamo abbinato ad un avviso ai consumatori?

 

allerta alimentare italiano uova allerta 470224521
Come può un sistema di allerta rapido inviare una segnalazione a distanza di due mesi dalle analisi?

Sarebbe opportuno avere dal Ministero della salute risposte a questi interrogativi,  per evitare inutili allarmismi da un lato e per procedere con la massima urgenza quando esiste un pericolo serio per i consumatori.

 

Un altro episodio che desta preoccupazione sul funzionamento e l’efficienza del sistema di allerta nazionale si è verificato la mattina del 15 febbraio, quando il Ministero della salute lancia un’allerta per un lotto di formaggio francese Roquefort di Carrefour contaminato da una tipo di Escherichia coli molto patogeno. La procedura urgente è attuata correttamente, ma ci sono due particolari che vanificano l’azione tempestiva: l’assenza della foto del prodotto e alcuni errori nell’indicazione del lotto e della scadenza.

Il Rasff è un sistema serio da potenziare e affinare, ma in Italia esistono inefficienze che bisogna correggere al più presto.

 

Roberto La Pira

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Richiamati budino al cioccolato bio Söbbeke per frammenti di vetro e salame campagnolo Salumi Pasini per Salmonella

Il ministero della Salute ha pubblicato il richiamo di un lotto di budino al cioccolato …

3 Commenti

  1. Visti i tempi ed i modi di risposta istituzionale, sono forse parzialmente giustificate le resistenze e le inerzie dei produttori a scatenare la prassi distorta della segnalazione e ritiro del prodotto, quando il rischio per la salute è minore ed isolato?
    Naturalmente ed in via di principio non lo sono, ma visto che per prime le istituzioni si dimostrano inadeguate, perché i produttori dovrebbero fare gli eroi?
    Dal punto di vista del consumatore, non mi sento di assolvere nessuno, ma se esiste un nesso causale, le negligenze hanno pesi diversi, anche in queste situazioni.

  2. E cosa sarebbe capitato all’Azienda produttrice, alla sua economia ( pubblicazione di marchio e foto del prodotto, sfiducia dei consumtori, calo vendite, eventuali riflessi occupazioneli..) se la stampa si fosse scatenata, come spesso avviene, su un fatto inesistente?
    Ritiro, richiamo, sistema di allerta, sono cose serie e ben codificate . Tutti gli attori,ASL, Ministeri, NAS, compresi i mezzi di comunicazione e le (17)Associazioni consumeristiche associazioni, devono essere perfettamente consapevoli delle regole da rispettare, perché non solo la salute dei consumatori, ma anche gli Operatori seri che agiscono sul mercato vanno rispettati. E la magistratura se ne deve render conto, a monte e a valle: chi sbaglia , specie per omissione, deve render conto.

  3. Da questa vicenda si evidenziano in particolare 2 problemi:
    1-L’affidabilità di laboratori che eseguono solo raramente analisi delicate, e , pur in qualche modo accreditati, prendono cantonate che potrebbero avere serie conseguenze. Serve un laboratorio veramente specializzato di riferimento a livello nazionale o l’individuazione di laboratori ufficiali specializzati abituati ad eseguire e verificare determinati tipi di analisi, dove si possano inviare rapidamente i campioni e da cui avere risposte veloci ed affidabili. E gli altri che fanno tali errori e tanti guai, non pagano mai ?
    2- Lo scollamento fra la legislazione nazionale ed i Regolamenti CE, in particolare la legge 283 ed il relativo articolo 5, una volta utile ad una legislazione a carattere prevalentemente fiscale e punitivo, ma ora slegato dai più moderni concetti preventivi della legislazione Europea: è ben oltre un decennio che se ne parla, ma nessuno fa nulla, in particolare il Ministero della Salute, e la magistratura ci sguazza. Serve un TESTO UNICO moderno, promesso da anni e mai realizzato.