Home / Pianeta / Olio di palma sostenibile, rilasciate le prime tre certificazioni dal sistema promosso da Greenpeace e WWF. Criteri più rigorosi rispetto a quelli RSPO

Olio di palma sostenibile, rilasciate le prime tre certificazioni dal sistema promosso da Greenpeace e WWF. Criteri più rigorosi rispetto a quelli RSPO

membri poig olio di palma sostenibile
I membri del nuovo Palm Oil Innovation Group

Con il rilascio delle prime tre certificazioni è diventato operativo il Palm Oil Innovation Group (POIG), organismo lanciato nel novembre 2013 dai produttori rispettosi delle foreste e diverse organizzazioni non governative, tra cui Greenpeace e WWF, per garantire l’impiego di  olio di palma non derivante da deforestazione o frutto di violazione dei diritti delle popolazioni locali. Questo gruppo è nato dalla necessità di andare oltre la certificazione rilasciata dalla Tavola Rotonda sull’Olio di Palma Sostenibile (RSPO), i cui criteri vengono giudicati insufficienti, perché non contemplano la protezione di ecosistemi forestali importanti come le foreste torbiere. Oltre a ciò RSPO continua a concedere certificazioni a fornitori che non rispettano neanche i principi base previsti nello statuto.

sostenitori poig olio di palma sostenibile
I sostenitori per l’olio di palma sostenibile

Greenpeace precisa che  il Palm Oil Innovation Group adotta un sistema di certificazione più rigoroso rispetto a quello RSPO , essendo basato sul principio della “Deforestazione zero” . Questo metodo funziona tanto che sono state rilasciate le prime certificazioni a tre compagnie – due in America Latina e una in Papua Nuova Guinea – dopo una verifica degli standard da parte di soggetti terzi indipendenti.

Al Palm Oil Innovation Group possono aderire anche compagnie che fanno parte della RSPO ma vogliono adottare criteri di sostenibilità più stringenti già adottati volontariamente da compagnie come Unilever, Ferrero, Mars e Wilmar.

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

allevamento bovini manzo iStock_000048833802_Small

Il mondo si mobilita per un cambiamento delle abitudini alimentari. La carne al centro del mirino nella lotta per salvare il clima

In occasione di importanti appuntamenti internazionali come l’incontro alla Chatam House britannica dedicato al cibo …

2 Commenti

  1. Presto cominceranno a scrivere sulle confezioni “olio di palma certificato” per calmare i consumatori. Ma rimane un grasso nutrizionalmente da evitare e quasi sempre estratto chimicamente.
    “Per capire quanto sia ambiguo il testo pubblicitario basta dire che la frase sull’origine “naturale” è fuorviante in quanto l’olio utilizzato nei dolci e nei prodotti da forno spesso viene estratto dal frutto con solventi, decolorato, deodorato e deacidificato”

  2. Anche quando sarà certificato e sostenibile rimarrà sempre nutrizionalmente da evitare e quasi sempre estratto chimicamente.
    Per capire quanto sia ambiguo il testo pubblicitario basta dire che la frase sull’origine “naturale” è fuorviante in quanto l’olio utilizzato nei dolci e nei prodotti da forno spesso viene estratto dal frutto con solventi, decolorato, deodorato e deacidificato”.