Home / Controlli e Frodi / Frodi alimentari: il Corpo forestale dello stato individua 450 mila chili di olio deodorato destinato a diventare extra vergine

Frodi alimentari: il Corpo forestale dello stato individua 450 mila chili di olio deodorato destinato a diventare extra vergine

Il Corpo forestale dello Stato di Roma ha individuato in diversi stabilimenti di imbottigliamento di olio localizzati a Firenze, Reggio Emilia, Genova e Pavia falsi documenti per regolarizzare una partita di 450 mila chilogrammi di olio extra-vergine di oliva per un valore di circa 4 milioni di euro.

L’ipotesi degli investigatori è che i documenti  siano stati contraffatti per spacciare olio di oliva deodorato, di bassa qualità e dal valore commerciale tre volte inferiore a quello etichettato, come olio extra-vergine. La deodorazione è un’operazione di rettifica per trasformare olio di oliva non commestibile di scarsa qualità in oli di oliva extra-vergine. Questa pratica illecita si usa quando tra la raccolta dell’oliva e la spremitura  trascorre molto tempo e insorgono fermentazioni che danneggiano la qualità del prodotto. Un indice dell’avvenuta frode è la presenza nell’olio di un elevato valore di alchil esteri.

In questi giorni l’Unione Europea ha stabilito un limite per la concentrazione degli alchil esteri stabilendo delle soglie massime, superate le quali un olio non può essere etichettato come extra-vergine.

L’introduzione di tali parametri chimici consentirà di scoprire se il tipico condimento mediterraneo è genuino oppure se è stato ottenuto da olive di scarsa qualità o se è stato miscelato con oli deodorati.

La Procura di Firenze sta svolgendo indagini approfondite su una nota azienda estera proprietaria dal 2005 di alcuni importanti marchi italiani di olio per accertare i reati di frode in commercio e di falso materiale.

Altri articoli sulle frodi dell’olio extra vergine

La bufala della legge europea che tutela l’olio extra vergine dilaga sui giornali. E’ vero il contrario, l’olio deodorato è diventato legale La bufala della legge europea che tutela l’olio extra vergine dilaga sui giornali. E’ vero il contrario, l’olio deodorato è diventato legale
I prezzi pazzi dell’olio extra-vergine di oliva, sullo scaffale 70 marche e listini da 2,9 a 26,0 €/l. Come è possibile? I prezzi pazzi dell’olio extra-vergine di oliva, sullo scaffale 70 marche e listini da 2,9 a 26 €/l. Come è possibile?

 

Una bufala le nuove etichette dell’olio extra vergine di oliva Una bufala le nuove etichette dell’olio extra vergine di oliva

Tutti sono soddisfatti per la decisione dell’Ue di mettere sull’etichetta l’origine dell’olio extra vergine di oliva, anche se in realtà si tratta di una mezza bufala, perché la normativa è  troppo generica. …

Test olio extra vergine alla tv Svizzera ,bene gli italiani ma male Carapelli Test olio extra vergine alla tv Svizzera ,bene gli italiani ma male Carapelli
Dal 1 aprile l’olio extra-vergine di oliva deodorato è legale. Il prezzo è buono ma si ossida in fretta e la qualità è standard Dal 1 aprile l’olio extra-vergine di oliva deodorato è legale. Il prezzo è buono ma si ossida in fretta e la qualità è standard

Dal 1 aprile l’olio extra vergine di oliva non potrà contenere più di 75 mg/kg di  alchil esteri + metil esteri. La questione non …

 

Guarda qui

Le frodi alimentari segnalate da Coldiretti sono risibili, quelle vere come Prosciuttopoli non ci sono!

Il comunicato stampa di Coldiretti sulle Agromafie del 14 febbraio 2019, ripreso da diversi media …