Home / Controlli e Frodi / Allarme integratori con DMAA, la FDA lancia l’allerta contro il DMAA. In Italia sono vietati dal 2012 ma circolano in rete

Allarme integratori con DMAA, la FDA lancia l’allerta contro il DMAA. In Italia sono vietati dal 2012 ma circolano in rete

Integratori a base di DMAA sequestrati nel 2012 dalle autorità italiane

 La Food & Drug Administration l’11 aprile ha ribadito il  parere negativo sulla presenza di dimetilamilamina (DMAA) in alcuni integratori usati dagli sportivi per perdere peso e  migliorare le performance. Si tratta di  un principio attivo  spacciato fraudolentemente come un componente naturale del geranio. La notizia del definitivo no della FDA è circolata prima sul web e poi è stata ripresa  il 23 aprile dall’Ansa, scatenando una piccola tempesta mediatica. Il motivo di tanta agitazione è che pochi sapevano  della decisione italiana adottata tra la fine del 2011 e l’inizio del 2012, di inserire il DMAA tra le sostanze vietate dalla normativa anti-doping. A questa decisione erano seguite azioni di sequestro da parte dei NAS.

 

Il Ministero della salute aveva rivelato la frode in Italia dove la sostanza veniva camuffata come olio di geranio, utilizzando addirittura la dicitura scientifica richiesta dalla legge, Pelargonium graveolens. Il tema era stato trattato anche da Striscia la Notizia, ma soprattutto da Il Fatto Alimentare con numerosi articoli che segnalavano l’anomalia e il pericolo per gli sportivi.  La svolta per il DMAA si registra  solo nell’estate 2012, dopo  la decisione della Food & Drug Administration di lanciare  il primo allarme. A quel punto i Paesi europei vietano i prodotti con DMAA, lanciano comunicati ed intervengono sul mercato ( Danimarca e Regno Unito si erano mossi prima).

 

Gli integratori con DMAA sono venduti via internet da siti localizzati in Potogallo e in Slovenia

Il nostro Ministero della salute due giorni fa, dopo il comunicato dell’Ansa, ha chiarito la situazione dicendo che da noi non sono commercializzati integratori con DMAA dal 2012. Pur essendo stata l’Italia tra i primi Paesi ad adottare provvedimenti  per tutelare i consumatori, il Ministero non ha comunicato in modo adeguato la notizia e si è trovato in questi giorni a  dover reagire ad un disinformato eco mediatico che ipotizzava rischi  per i prodotti in vendita. Purtroppo questi  integratori si possono ancora acquistare via internet e il fatturato delle imprese residenti in Portogallo e  in Slovenia viene equiparato a quello di tutte le aziende italiane che operano legalmente.

Luca Bucchini

 

 

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Parmesan Cheese formaggio parmigiano reggiano grana padano

L’Italia lamenta continuamente frodi sui prodotti made in Italy, ma nessuna segnalazione ufficiale è giunta all’UE. Lo rivela il Commissario Vytenis Andriukaitis

Nonostante le frequenti denunce mediatiche contro la contraffazione di prodotti made in Italy e contro …

4 Commenti

  1. Io ho letto la notizia originale dell’Ansa e ne ho anche stampato una copia( non è la prima volta che pubblica e poi toglie).Il giorno dopo era scomparsa dal sito e se si cerca compare una nota con scritto CEST.Non era precisamente come la vostra anzi,quello che ha scritto l’Ansa e un articolo che scatenava panico e paura.Parlava di infarto,ipertensione ecc ecc.Alla fine addirittura c’è una intervista con un medico il quale dichiare che in Italia la procedura per gli integratori è blanda ed è per questo che gira roba pericolosa.Forse il motivo della scomparsa dell’articolo era proprio questo,e qualcuno si è accorto.Ma nel frattempo chi ha letto e usa integratori?

  2. Gentile redazione,
    interessante articolo. Vorrei solo chiedervi se poteste migliorare un unico punto che può dare adito a confusione: avendo lavorato su oli essenziali durante il percorso universitario, vi chiederei solo di chiarire che geraniolo (dimetil-octadienolo) e DMAA sono due composti differenti e non lo stesso composto.Il primo è usato principalmente per le sue note aromatiche ed è presente naturalmente in percentuali assai variabili a seconda dell’origine in moltissimi frutti o piante aromatiche utilizzate comunque in cucina e su cui non vi è nessun limite di utilizzo da parte di EFSA o degli enti nazionali preposti.
    Dalla lettura dell’articolo emerge invece che DMAA e geraniolo (presente solo nel titolo) abbiamo la medesima composizione chimica.

  3. Luigi Ferrigno

    Gentilmente potreste spiegare cosa provoca alla salute umana questa sostanza? E’ vero inoltre che può portare ad infarto?
    Grazie