Home / Pianeta / Vertical farm, nel Regno Unito ha aperto la fattoria verticale più grande d’Europa

Vertical farm, nel Regno Unito ha aperto la fattoria verticale più grande d’Europa

Inaugurazione impianto di Bedford, UK, di InfarmCon i suoi 10mila metri quadrati, il nuovo stabilimento appena inaugurato nel Regno Unito dall’azienda tedesca Infarm (tra le prime a puntare sulle vertical farm nel Vecchio Continente) ha sottratto il titolo di più grande impianto di produzione idroponica in Europa all’italiana Planet Farms, che nel 2019 ne aveva aperto uno su un’area di 9mila metri quadrati, a Cavenago, in provincia di Monza-Brianza. Insieme, le due realtà rappresentano una prova tangibile del successo crescente di questo tipo di coltivazione, che offre numerosi vantaggi rispetto a quella tradizionale, e che sta ormai assumendo le dimensioni di scala attese da anni, grazie alla discesa dei prezzi dei LED e all’ottimizzazione dei circuiti di intelligenza artificiale su cui si basa. 

Dell’impianto tedesco sul suolo inglese parla FoodNavigator, illustrando l’ultima evoluzione di una realtà che è ormai diffusa in dieci paesi di Nord America, Asia ed Europa, e che si candida a ulteriori espansioni (in altri dieci paesi), via via che crescono anche le partnership con le GDO tra i quali i supermercati tedeschi Metro ed Edeka e nel Regno Unito con i grandi magazzini Marks & Spencer e Fortnum & Mason, i supermercati Wholefoods e Partridges, la catena di negozi biologici Mum’s e il servizio di consegna a domicilio Getir, oltre ad alcuni ristoranti.

Rendering di una vertical farm di Infarm
A piena capacità, la vertical farm di Infarm a Bedford potrebbe arrivare a produrre 20 milioni di piante l’anno

Lo stabilimento di Bedford, che contiene 40 unità produttive alte 10 metri l’una, si presenta come ipertecnologico, con miliardi di dati raccolti in ogni momento, 24 ore al giorno 7 giorni su 7, da migliaia di sensori collegati a un unico supercomputer centrale che convoglia dati da tutti gli stabilimenti Infarm. Il controllo capillare assicura l’ottimizzazione delle risorse ed elimina la necessità di fitofarmaci, assicurando una produzione iniziale – queste le stime – di 500mila piante all’anno, che dovrebbe aumentare fino a 20 milioni. 

La coltivazione praticata da Infarm, così come quella di Planet Farms, tra gli altri, è 400 volte più efficiente di quella tradizionale al suolo, utilizza il 95% in meno di terreno (che nelle colture idroponiche non serve quasi, essendo il suo ruolo limitato a un supporto meccanico circoscritto), il 95% in meno di acqua (che viene distribuita capillarmente in base alle necessità del momento), il 75% in meno di fertilizzanti e zero pesticidi (le serre sono di fatto camere sterili). Inoltre, lo stabilimento inglese ha un sistema di raccolta dell’acqua piovana che gli consente di catturare non meno di 2,5 milioni di litri all’anno: un utilizzo prezioso, vista la siccità crescente anche nel Regno Unito.

Vertical farm di Infarm
La coltivazione idroponica nelle vertical farm è 400 volte più efficienti di quella in campo

Ma i benefici non finiscono qui. Oltre ai vantaggi sulla produzione, ci sono infatti quelli sul trasporto, e sulla resilienza delle popolazioni locali e a quelli sui posti di lavoro qualificati creati. C’è infatti un risparmio del 95% delle miglia percorse dalle verdure, che tradizionalmente sono importate da altri paesi. Al contrario, i prodotti della vertical farm, le cui caratteristiche organolettiche e nutrizionali sono continuamente studiate e perfezionate grazie ai dati forniti all’intelligenza artificiale, possono raggiungere il 90% della popolazione del paese in quattro ore, con un grande beneficio per l’ambiente sia in termini di miglia evitate, sia in termini di energia impiegata per la conservazione. E naturalmente a tutto ciò si aggiunge il fatto che la verdura, consegnata a così poco tempo dalla raccolta, è più fresca e più buona. E lo spreco è quasi annullato.

La ministra dell’Agricoltura Jo Churchill, presente all’inaugurazione dello stabilimento di Bedford, ha sottolineato come iniziative di questo genere, anche se private, vadano realmente incontro alla politica del governo britannico e ha anche ricordato che il paese si sta avviando velocemente verso una legislazione molto più permissiva nei confronti dell’editing genetico dei vegetali: impianti come quello di Infarm, già indifferenti alle condizioni esterne, sono ottimali anche per la sperimentazione di nuove varietà più adatte ai cambiamenti climatici (e politici) cui l’umanità sta andando incontro.

© Riproduzione riservata Foto: Infarm

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Tutelare la biodiversità animale e vegetale è una priorità per l’ambiente, ma anche per l’economia

Secondo una stima del World Economic Forum, oltre il 50% del prodotto interno lordo mondiale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *