Home / Pianeta / Stati Uniti, meno carne di manzo e calano le emissioni di CO2. Uno studio su come cambia la dieta degli americani e su come l’ambiente ci guadagna

Stati Uniti, meno carne di manzo e calano le emissioni di CO2. Uno studio su come cambia la dieta degli americani e su come l’ambiente ci guadagna

Negli Stati Uniti il consumo di carne di manzo è sceso del 19% tra il 2009 e il 2014

Tra il 2005 e il 2014 negli Usa il consumo di manzo è calato del 19%, il che equivale a una riduzione delle emissioni di anidride carbonica (CO2) pari a quella prodotta da 39 milioni di auto. I cambiamenti nella dieta degli americani non hanno riguardato solo la carne di manzo, ma anche altri alimenti ad alta intensità di carbonio, come latte, carne di maiale, frutti di mare e sciroppo di mais.  Tutti questi cambiamenti hanno significato minori emissioni di CO2 pari a quelle di 57 milioni di auto e una riduzione delle emissioni pro capite del 10%. La riduzione dei gas a effetto serra avrebbe potuto essere ancor più significativa se, contemporaneamente, non fosse aumentato il consumo di altri alimenti ad alta intensità di carbonio, come formaggio, yogurt e burro.

Questi dati sono contenuti in un rapporto del Natural Resources Defense Council (NRDC), intitolato Less Beef, Less Carbon, da cui emerge che, nonostante nel decennio 2005-2014 la popolazione statunitense sia aumentata del 9%, il minor consumo di carne di manzo ha comportato una riduzione solo del 3% delle emissioni di gas a effetto serra provocate dalla dieta.

Nel 2014 la carne di manzo era considerata ancora la causa  del 34% delle emissioni di gas serra legate al settore alimentare, mentre pollo e formaggio erano responsabili dell’8% ciascuno, il maiale del 7%, le uova del 3% e tutti gli altri alimenti di un altro 34%.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

meloni frutta giappone coltivare serra

Un’anguria da 5.000 euro! Ecco i tre frutti più cari al mondo venduti in Giappone raccontati in un articolo di Italia Fruit News

La rivista online Italia Fruit News ha pubblicato un interessante articolo su alcuni costosissimi frutti …

4 Commenti

  1. Maurizio Ferro

    Negli stati uniti il contributo ai gas serra dell’agricolura e’ il 9%, quello della fermentazione enterica e’ un terzo di quella agricola (il resto ‘e dovuto a concimazione, irrigazione, ecc).
    fonte: https://www.epa.gov/ghgemissions/sources-greenhouse-gas-emissions

    In sostanza il contributo ai gas serra dell’allevamento e’ il 3% del totale, anche se l’alimentazione fosse totalmente priva di carne (eliminando quindi anche concimazioni naturali e mangimi per animali domestici) gli impatti ambientali sarebbero ben poco rilevanti.

    Maurizio

  2. Non è solo questione di gas serra, diminuendo il consumo di carni e derivati si trae beneficio in salute e si
    salvaguardia l’ambiente.

  3. Vedremo in USA una graduale rivoluzione alimentare e salutistica, che trasformerà anche l’ambiente e la deriva insostenibile che ha preso.
    Questo perché gli americani sono molto concreti e quello che razionalmente si dimostra migliore sotto tutti i punti di vista, sarà scelto e preferito dalla maggioranza della popolazione che ha preso coscienza.
    Nonostante Trump ed il ritorno al passato della sua politica ambientale.