Home / Nutrizione / Usa, a due anni i bambini consumano zuccheri aggiunti oltre i limiti per gli adulti. Il primo studio sulle abitudini alimentari tra i 6 e i 23 mesi di vita

Usa, a due anni i bambini consumano zuccheri aggiunti oltre i limiti per gli adulti. Il primo studio sulle abitudini alimentari tra i 6 e i 23 mesi di vita

bambina dolci gelato iStock_000047860728_SmallSecondo l’American Heart Association, i bambini fino a due anni non dovrebbero consumare zuccheri aggiunti. La realtà degli Stati Uniti, invece, indica che il 60% dei bambini inizia ad assumerne prima di compiere un anno e il 99% di quelli che hanno un’età compresa tra i 19 e i 23 mesi ne consumano in media più di sette cucchiaini al giorno, cioè più della dose massima consigliata per gli adulti.

È quanto emerge da uno studio guidato da Kirsten Herrick, epidemiologa nutrizionale dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), i cui risultati preliminari sono stati presentati al meeting annuale dell’American Society for Nutrition. Oltre a ricordare che il consumo di zuccheri aggiunti è stato collegato all’obesità, la carie dentale, l’asma e a fattori di rischio per le malattie cardiache, come il colesterolo alto e l’ipertensione, i ricercatori sottolineano come il consumo di cibi con zuccheri aggiunti in età precoce possa influenzare le preferenze alimentari dei bambini, portando potenzialmente a scelte meno salutari nel prosieguo della vita.

Lo studio ha analizzato per la prima volta i dati di oltre 800 bambini di età compresa tra 6 e 23 mesi che hanno partecipato al National Health and Nutrition Examination Survey 2011-2014, uno studio di ricerca rappresentativo della popolazione americana.

Le linee guida dietetiche per gli americani 2015-2020 del governo statunitense non includono indicazioni specifiche per i bambini di età inferiore ai due anni, ma l’edizione 2020-2025, che entrerà presto in fase di elaborazione, includerà raccomandazioni dietetiche anche per neonati e bambini piccoli.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Uova di cioccolato, anche per quelle al fondente ci vuole moderazione: tante calorie e benefici ancora tutti da dimostrare

Il cioccolato ad alta concentrazione di cacao viene propagandato come elisir di salute, ma è …

Un commento

  1. Anche qui non va molto meglio, tipico dopo i 6 mesi all’inizio dello svezzamento è il biberon con latte di proseguimento/vaccino con dentro inzuppati biscotti per l’infanzia (plasmon/nipiol/mellin etc) zeppi di zuccheri aggiunti, oppure il vasetto di yogurt bianco con aggiunto un cucchiaino di zucchero “perchè sennò non sa di niente”.