Home / Pianeta / Regno Unito, 15 milioni di sterline contro lo spreco alimentare. La situazione attuale definita “una follia morale, economica e ambientale”

Regno Unito, 15 milioni di sterline contro lo spreco alimentare. La situazione attuale definita “una follia morale, economica e ambientale”

spreco alimentareIl governo britannico ha annunciato lo stanziamento di 15 milioni di sterline per combattere lo spreco alimentare. Nei prossimi mesi sarà messo a punto un programma pilota, in collaborazione con aziende ed enti di beneficenza, che verrà lanciato nel 2019.

Attualmente nel Regno Unito vengono redistribuite circa 43 mila tonnellate l’anno di cibo in eccedenza da parte di rivenditori e produttori alimentari. Tuttavia si stima che altre 100 mila tonnellate di cibo – pari a 250 milioni di pasti all’anno – pur essendo facilmente disponibili e perfettamente commestibili non vengano consumate ma inviate come rifiuti in impianti di incenerimento e produzione di energia, al riciclaggio in impianti di digestione anaerobica oppure utilizzate per mangimi animali. Una situazione che il ministro dell’Ambiente Michael Gove ha definito “una follia morale, economica e ambientale”.

Il programma pilota annunciato dal governo riguarderà in modo specifico le eccedenze alimentari provenienti dalla vendita al dettaglio e dalla produzione, che tuttavia rappresentano solo una parte del problema. Infatti, in tutto il Regno Unito lo spreco alimentare ammonta a 10,2 milioni di tonnellate all’anno, di cui 1,8 milioni vengono dalla produzione alimentare, un milione dal settore dell’ospitalità e 260 mila dalla vendita al dettaglio, mentre il resto viene dalle famiglie.

Per questo, entro l’anno il Dipartimento britannico per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali (Defra) intende presentare ulteriori azioni per ridurre gli sprechi alimentari da tutte le fonti, nell’ambito della sua strategia sulle risorse e i rifiuti.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

meloni frutta giappone coltivare serra

Un’anguria da 5.000 euro! Ecco i tre frutti più cari al mondo venduti in Giappone raccontati in un articolo di Italia Fruit News

La rivista online Italia Fruit News ha pubblicato un interessante articolo su alcuni costosissimi frutti …