Home / Pianeta / TTIP: se ne riparlerà nel 2018, forse. Come previsto, le tensioni legate alle elezioni in Usa, Germania e Francia impongono uno stop di fatto

TTIP: se ne riparlerà nel 2018, forse. Come previsto, le tensioni legate alle elezioni in Usa, Germania e Francia impongono uno stop di fatto

TTIP CETA Freihandelsabkommen zwischen USA und EU
Il presidente della Commissione Jean-Claude Junker afferma che i negoziati proseguono

I negoziati proseguono, ha dichiarato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, al termine di una settimana in cui da Berlino a Parigi si sono susseguite dichiarazioni di de profundis per i negoziati sul Trattato commerciale di libero scambio tra Usa e Ue, il TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership). Ha iniziato il Ministro dell’economia e vice-cancelliere tedesco, il socialdemocratico Sigmar Gabriel, sottolineando come dopo 19 tornate di trattative non si è trovata l’intesa neppure su uno dei 27 capitoli in discussione, tra cui quelli riguardanti la salute pubblica, la sicurezza alimentare, l’informazione dei consumatori, la salute animale, l’ambiente e la tutela dei prodotti alimentari con indicazione geografica protetta. “I negoziati con gli Usa sono de facto falliti, perché noi europei non ci vogliamo assoggettare alle richieste americane. Le cose su questo fronte non si stanno muovendo”, ha dichiarato Gabriel.

Da Parigi gli ha fatto eco il viceministro del Commercio estero, Matthias Fekl, che ha dichiarato: “Non c’è più il sostegno politico della Francia a questi negoziati. Gli americani non concedono niente, o lasciano soltanto le briciole. Non è così che si tratta fra alleati. Le relazioni non sono equilibrate, bisogna riprendere in seguito su buone basi. Serve una battuta d’arresto, definitiva, a questi negoziati per poi ripartire”.

Ballot and wooden box on Flag of USA, voting concept design
Le tensioni elettorali in USA, Francia e Germania hanno causato di fatto il blocco delle trattative fino al 2018

A Berlino, la cancelliera tedesca Angela Merkel, leader dei cristiano-democratici, che governano in una grande coalizione con i socialdemocratici, ha stoppato il suo vice, affermando che “i negoziati non sono ancora finiti”. A Parigi, invece, il fronte del governo appare unito. il premier Manuel Valls si era già dichiarato “preoccupato dalla piega presa dalle trattative” sin dallo scorso marzo, affermando che “non possiamo accettare negoziati che mettano in discussione i nostri servizi pubblici, un certo numero di nostri prodotti, la nostra agricoltura, la nostra cultura”.

Sta di fatto che i prossimi appuntamenti elettorali al di là e al di qua dell’Oceano impongono, per lo meno, un lungo stop alle trattative sul TTIP, inviso a vasti strati dell’elettorato. A questo punto, si vedrà nel 2018, dopo le elezioni presidenziali negli Stati Uniti e in Francia, e quelle politiche in Germania, se ci saranno le condizioni per riprendere seriamente i negoziati, il cui proseguimento, nel frattempo, sarà solo formale. Tenendo anche conto che con la Brexit il TTIP ha perso, sul fronte europeo, uno dei suoi maggiori sostenitori.

usa eu iStock_000043815566_Small
Il governo italiano ha invitato a proseguire i negoziati

Dal governo italiano è venuto un deciso invito a proseguire i negoziati, perché, ha affermato il Ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda, “indebolire ulteriormente le istituzioni europee, che i nostri governi si sono invece in più occasioni recentemente impegnati a rafforzare, con un costante ‘fuoco amico’ di dichiarazioni ad uso interno, è controproducente e contrario agli obiettivi che proprio in materia di TTIP i leader hanno confermato in occasione del Consiglio europeo di giugno. Sarebbe in ogni caso estremamente difficile trovare una ragione che giustifichi l’interruzione delle trattative con il nostro principale partner economico e politico dopo appena due anni e mezzo di negoziato, quando per chiudere un accordo meno ambizioso con il Canada ce ne sono voluti ben sei. Ed è evidente che se ciò accadesse l’Europa non avrebbe più alcuna credibilità per condurre un qualsivoglia negoziato commerciale”.

© Riproduzione riservata

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

plastica bottiglie riciclo raccolta differenziata vuoto a rendere

Plastica: dalla produzione allo smaltimento produce grandi quantità di CO2

La plastica è uno dei principali responsabili del riscaldamento globale, anche se questa sua caratteristica …

5 Commenti

  1. Calenda mi preoccupa, perché non capisco quali siano gli interessi che vuole difesi…

  2. Possiamo solo sperare che francesi e tedeschi ci difendano dall’invasione di prodotti alimentari a basso costo e prodotti con discutibilissime norme igieniche sanitarie.
    Il governo italiano è, al solito, è già schierato con il più forte…

  3. Sarebbe ora che il nostro governo difendesse gli interessi ITALIANI ed europei e non quelli degli altri anche se di partener importanti così come fanno più coraggiosamente i francesi con i loro prodotti. Non esistono solo i soldi, non dimentichiamo che l’Italia è famosa per la qualità che ovviamente va difesa.

  4. concordo con Luigi
    caro “Sig. Calenda” , tenga presente che a breve c’e’ un referendum …….e queste sue “considerazioni” le terremo presente quando dovremo decidere se dare o meno il ns sostegno all’attuale GOVERNO !!

    TENETELO A MENTE
    se da un lato e’ giusto cercare di affermare la credibilita’ del sistema europa che fa sempre piu’ acqua da tutte le parti…… non penso che questa SI AFFERMI DIVENTANDO “SUDDITI” delle volonta’ delle lobby statunitensi……… buttando a mare IL NOSTRO SANO PRINCIPIO DI PRECAUZIONE a discapito del ……..”fino a quando non scopriamo che fa male …possiamo piazzarlo” questi sono “gli USA” …..qualsiasi sia il governo in carica purtroppo

  5. p.s. un messaggio per i lobbisti italiani (e i loro rappresentanti che sono molto attivi su certi forum/blog) che sperano a tutti i costi che il TTIP vada avanti perche’ cosi riescono a vendere meglio il “famoso made in italy” fatto in italia ma con ingredienti che provengono DA ALTROVE (vedi pomodoro …..vedi grano……..etc etc)

    noi consumatori ci guarderemo bene dal continuare a preferire nei ns acquisiti ….aziende che in nome della globalizzazione della necessita’ di aumentare e/o tenere i posti di lavoro …… si “fondono” a livello internazionale per diventare (loro) piu’ grandi “omogeneizzando” la qualita’ e la provenienza delle materie prime …… oramai a partire dall’olio …..passando per la pasta IGP …….. anche il vino …….. gli ESEMPI non si contano piu’

    questo TTIP serve solo A LORO