Home / Nutrizione / Troppo zucchero per i bambini britannici fin dalla più tenera età, rivela uno studio

Troppo zucchero per i bambini britannici fin dalla più tenera età, rivela uno studio

girl gelato steccoGià prima dei due anni di vita, un terzo dei bambini britannici assume più zucchero di quanto sarebbe auspicabile, e prima dei sette lo fanno l’80% . Questo spiega, almeno in parte, perché l’obesità infantile sta dilagando nel Regno Unito, così come in moltissimi altri paesi. La colpa, va però detto, non è del tutto da imputare a genitori distratti o ignoranti, perché lo zucchero si trova in innumerevoli alimenti e bevande, e anche quando non è aggiunto, è spesso presente naturalmente in quantità elevate, senza che la sua presenza sia adeguatamente segnalata. 

L’analisi del rapporto tra bambini anche molto piccoli e zucchero presentata al recente congresso europeo sull’obesità svoltosi a Maastricht, nei Paesi Bassi, arriva dai ricercatori dello University College di Londra, che hanno utilizzato uno dei più grandi database esistenti specificamente dedicato ai bambini: quello dello studio Gemini, che sta seguendo oltre 2.400 famiglie in cui sono nati dei gemelli nel 2007. 

svezzamento auto svezzamento bambini pappa
Oltre un terzo dei bambini britannici sotto i due anni di età assume troppi zuccheri liberi

Per quando riguarda l’alimentazione, i genitori hanno compilato dettagliati resoconti su tutto ciò che i bambini hanno mangiato per tre giorni consecutivi a 21 mesi. Poi, 460 di loro, lo hanno fatto anche quando i figli hanno compiuto sette anni. Il risultato è stato che i più piccoli, in media, consumavano 25,6 grammi di zucchero al giorno, pari a circa sei cucchiaini, mentre per i più grandi il quantitativo assunto era di 54,7 grammi (18 cucchiaini). Più di un bimbo di 21 mesi su tre e oltre l’80% dei bambini di sette anni ricavava oltre il 10% delle calorie quotidiane dagli zuccheri liberi (il limite raccomandato dall’Oms per evitare l’obesità, pari a 25 grammi per i bambini di 7-10 anni). Gli esperti, però, indicano una soglia più restrittiva, quella del 5%, per una salute ottimale. Ebbene, tra i piccoli britannici, tale obiettivo è stato raggiunto solo dal 16% dei bambini piccoli, e da poco più dell’1% di quelli più grandi.

Quando gli autori sono andati a verificare l’origine di questa vera e propria alluvione di zuccheri, non hanno dovuto faticare molto: quasi tutti gli alimenti e le bevande per bambini ne contengono in quantità più o meno rilevanti. Per esempio, in una porzione di cereali da colazione ce ne sono fino a 13 grammi, in uno yogurt alla frutta circa 15, e poi li si trova nei succhi, nelle merendine, praticamente in tutti i cibi ultra-trasformatii, perfino in diversi formaggi e altri derivati del latte, e in moltissimi cibi salati, specie se industriali. E non è tutto: anche quando alimenti bevande non ne contengono di aggiunti, vi possono essere quantità molto elevate di quelli presenti naturalmente, come accade in alcuni succhi e puree di frutta. Questi zuccheri, così come eventuali dolcificanti, non sono stati inclusi nei calcoli dei ricercatori londinesi, ma si vanno ovviamente ad aggiungere a quelli quantificati, con conseguenze facili da immaginare. In molti casi – fanno notare ancora gli autori – le etichette non riportano alcuna segnalazione particolare e, anzi, riferiscono varie tipologie di effetti benefici.

girl drinking a drink through a straw from a can
Superano i limiti raccomandati dall’Oms per l’assunzione di zuccheri l’80% dei bambini di 7 anni

Come proteggere i propri figli? Innanzitutto, rispondono, dando loro buone abitudini come quella di bere solo acqua e di non accompagnare i pasti con bibite zuccherate, o quella di mangiare yogurt naturali o frutta come merenda, e non dolci di vario tipo. Inoltre, i legislatori dovrebbero cambiare alcune norme, regolando in maniera più stringente la dicitura ‘senza zuccheri aggiunti’, che risulta ambigua, in caso ci siano zuccheri naturalmente presenti. Sarebbero poi necessari interventi sul marketing, che in parte il Regno Unito sta adottando.

Infine i produttori, se davvero volessero tutelare la salute dei bambini (nei quali l’obesità predispone al diabete, alle malattie metaboliche e diversi tipi di tumori, e di solito prepara una vita da adulto obeso), compresa quella dei denti, dovrebbero riformulare moltissimi prodotti, e cambiare le etichette. E tutto ciò andrebbe fatto non solo nel Regno Unito.

© Riproduzione riservata Foto: AdobeStock, iStock, Fotolia

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Donna che tocca la guancia dolorante, evidenziata da colore rosso; concept di mal di denti

Anche le bibite senza zuccheri fanno male ai denti: è l’acidità il problema, spiegano i dentisti

Oltre all’aumento di peso, c’è un motivo non abbastanza sottolineato per evitare di bere bevande …