Home / Sicurezza Alimentare / Terremoto: nel modenese 26 vitelli morti, 14 stabilimenti lesionati, 200.000 forme di formaggio danneggiate e moria di pesci nel Po

Terremoto: nel modenese 26 vitelli morti, 14 stabilimenti lesionati, 200.000 forme di formaggio danneggiate e moria di pesci nel Po

Si allarga la lista degli stabilimenti danneggiati nella bassa modenese, con pesanti ripercussioni nel settore lattiero caseario e nella filiera dell’allevamento, macellazione e trasformazione delle carni; continua la moria di pesci nel ferrarese. Sono oltre 200.000 le forme di Parmigiano Reggiano e di Grana Padano che nel modenese sono state danneggiate dal terremoto. Oltre a ciò poi bisogna considerare 12 impianti parzialmente o totalmente inagibili dove è stato addirittura vietato l’ingresso per rimuovere le forme.

 

A questi numeri si sommano altre 200.000 forme danneggiate nel reggiano e nel bolognese. Per fare fronte alla situazione, il latte prodotto nelle stalle viene conferito a caseifici situati lontano dalle zone del sisma, mentre si stanno cercando soluzioni alternative per il formaggio che deve concludere la stagionatura, anche in aree localizzate fuori dal territorio nazionale. Molti allevamenti hanno subito crolli parziali o totali delle strutture, gli animali morti al momento sono 26 vitelli. È crollato anche un incubatoio. Per questi motivi la situazione presenta delle criticità per quanto riguarda la gestione e il ricovero degli animali nelle stalle danneggiate. Un aiuto concreto è stato fornito dall’Associazione allevatori che ha messo a disposizione impianti di mungitura mobili, generatori di corrente e fili elettrici a bassa tensione per le recinzioni provvisorie.

 

Tra gli stabilimenti di lavorazione della carne si contano 14 unità danneggiate (macelli, sezionamenti, aziende di trasformazione e depositi frigoriferi) su un totale di 22 impianti presenti in zona. Per quanto riguarda la moria di pesce nel ferrarese osservata dopo il terremoto: si è registrato un secondo grave episodio nella zona interessata dal sisma. Le analisi però non hanno consentito un collegamento diretto con il sisma e sono in corso altri accertamenti da parte dei laboratori ARPA (Agenzia regionale per la prevenzione e l’ambiente). Qualche difficoltà si sta verificando nella raccolta dei pesci morti (storioni, carpe e pesci siluro) che si stanno dirigendo verso il delta del fiume Po o si incagliano lungo il percorso.

 

Comunicazione del 1 giugno da Alimenti & salute il portale  del Servizio sanitario dell’Emilia-Romagna

Foto: Photos.com

 

Altri articoli su Parmigiano Reggiano  e terremoto

Parmigiano Reggiano le etichette e le diciture che indicano la qualità. Diffidare dalle imitazioni Il Parmigiano Reggiano nella versione terremoto, sarà nei prossimi giorni venduto con un bollino speciale dalla Coop, e da altri supermercati e caseifici per sostenere le aziende danneggiate

 

Parmigiano Reggiano: nessuna svendita. La qualità non cambia. Nuove confezioni con il bollino per aiutare le aziende in difficoltà dopo il terremoto Come e dove comprare il Parmigiano Reggiano per sostenere le aziende danneggiate dal terremoto? Per rispondere a queste domande ieri il Corsorzio del formaggio ha redatto un vademecum. La qualità del formaggio non cambia

 

T 

 

Avatar

Guarda qui

latte in polvere

Latte in polvere, dopo l’epidemia di Salmonella arrivano le raccomandazioni dell’Anses. Consigli anche per i genitori

Nel 2017 in Francia, tra agosto e dicembre, 38 neonati di pochi mesi sono stati …

Un commento

  1. Avatar
    antonio di caro

    63 anni fa Finale Emilia è stato il mio luogo di nascita, dove i miei genitori si sono conosciuti e si sono sposati. Da 39 anni vivo in Abruzzo, ho vissuto da vicino il terremoto dell’Aquila con tutte le conseguenze e gli strascichi che dur…eranno più di una generazione. Mi piange il cuore vedere come è ridotta la regione in cui sono nato e le ferite inferte all’economia, in particolare quella agricola e zootecnica, già in grave sofferenza a causa delle importazione selvagge dall’estero di prodotti alimentari da parte della grande distribuzione a discapito dei nostri, di qualità superiore, che siamo costretti a svendere per poter stare sul mercato.