Home / Pianeta / La Svizzera mette la sicurezza alimentare nella Costituzione. Quattro cittadini su cinque dicono sì al refendum. Attenzione alle risorse, agli sprechi e ai produttori locali

La Svizzera mette la sicurezza alimentare nella Costituzione. Quattro cittadini su cinque dicono sì al refendum. Attenzione alle risorse, agli sprechi e ai produttori locali

In Svizzera la sicurezza alimentare entra nella Costituzione. Lo hanno deciso i cittadini elvetici con un referendum, tenutosi il 24 settembre 2017, che con il 78,7% di sì e una maggioranza schiacciante in tutti i Cantoni ha dato il via libera al nuovo articolo 104 della Costituzione. La modifica costituzionale ha ricevuto un sostegno quasi unanime anche dalla politica e dalle organizzazioni economiche e professionali.

Il nuovo articolo della Costituzione federale svizzera sulla sicurezza alimentare è diviso in cinque punti: la tutela delle basi della produzione agricola; l’adeguamento della produzione alimentare alle condizioni e alle risorse locali; l’orientamento della filiera agroalimentare verso il mercato (e non verso le sovvenzioni statali); il ruolo complementare delle importazioni nell’approvvigionamento alimentare; il rispetto delle risorse e la lotta allo spreco alimentare.

La sicurezza alimentare nella Costituzione ha trovato d’accordo cittadini, politica e associazioni

La modifica nasce da un “controprogetto” dei parlamentari a un’iniziativa popolare, chiamata “Per la sicurezza alimentare”, lanciata dall’Unione svizzera dei contadini e sostenuta da quasi 150 mila firme raccolte in soli tre mesi. Il parlamento ha giudicato la proposta dei cittadini troppo vaga ed eccessivamente incentrata sulla produzione locale e ha quindi elaborato un testo più preciso e completo, quello che è stato poi approvato dalla consultazione popolare.

Non tutti sono favorevoli alla modifica della Costituzione. L’Alleanza per la sovranità alimentare teme che il nuovo articolo non tuteli a sufficienza i produttori locali. Di segno completamente opposto sono le preoccupazioni dell’Unione svizzera delle arti e mestieri, che teme ostacoli agli accordi internazionali di libero scambio.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

pesce granghio polpo molluschi frutta di mare

Impossible Fish, sembra pesce ma non lo è! Impossible Foods lavora al nuovo alimento vegetale

Quante volte avete maledetto il pesce che stavate mangiando per una spina in gola? Ecco, …

2 Commenti

  1. Avatar

    La guerra tra mercato globale e produzioni locali interessa tutto il mondo ed i governi spesso non sanno “governare” questo dilemma.
    Il made in Italy è un esempio eclatante di questo scontro epocale tra le produzioni locali ed il libero commercio mondiale.
    Ogni decisione presa, con trattati internazionali di libero scambio e pallidi tentativi di protezionismo autoctono, è giusta e sbagliata allo stesso modo.
    I vasi comunicanti mal controllati, producono allagamenti ed invasioni traumatiche e distruttive.
    Serve una saggezza e una lungimiranza governativa che per il momento si manifesta molto poco.

  2. Avatar

    Giusto Ezio,
    la poca lungimiranza governativa non è che lo specchio della confusione e della diffusa ignoranza dei consumatori, spesso inficiata, come in politica da posizioni ideologiche pro e contro. I media ne agiscono dannosamente da amplificatore, e qualcuno, come Coldiretti Repubblica, televisioni e non solo ci si attaccano. Dai governanti il cui compito sarebbe mettere ordine e sfrondare da falsi pregiudizi, dobbiamo pretendere chiarezza, lungimiranza ed equiìlibrio basato sui fatti, numeri certi e non sulla ricerca di consenso.