Home / Pianeta / Foie gras: i supermercati Pam lo tolgono dagli scaffali. Violenza inaccettabile su oche e anatre

Foie gras: i supermercati Pam lo tolgono dagli scaffali. Violenza inaccettabile su oche e anatre

Dgustation foie gras
Il foie gras verrà tolto dai supermercati Pam

Nei prossimi giorni, i 153 supermercati della catena Pam/Panorama toglieranno dalla vendita il foie gras, frutto dell’ingozzamento forzato di oche e anatre attraverso un tubo, al fine di ingrossarne il fegato. La decisione è stata presa dopo che l’associazione Essere Animali ha diffuso un filmato sulle torture a cui sono sottoposte oche e anatre in alcuni allevamenti francesi, da cui proviene oltre il 70% del foie gras distribuito in tutto il mondo. La stessa associazione  ha promosso una petizione online, rivolta ai principali supermercati italiani che vendono questo alimento: Conad, Eataly, Bennet, Esselunga, Auchan e Carrefour. In meno di una settimana, la petizione Stop alla vendita di Foie Gras – #ViaDagliScaffali ha raccolto più di cinquantamila firme.

In Francia, per la sua produzione vengono utilizzati 44 milioni di animali l’anno. L’Italia, dove è vietata la produzione ma non la distribuzione di foie gras, nel 2014 ne ha importate 33 tonnellate: il 59% di fegato d’oca e il 41% d’anatra. Il 90% del foie gras viene prodotto in Europa: Francia (72,3%), Bulgaria, Ungheria, Spagna e Belgio. Il restante 10% viene prodotto in Cina, Usa e Canada. I maggiori consumatori sono Francia, Belgio, Giappone, Svizzera, Hong Kong e Israele.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

agricoltura bio biologico campi coltivare

Biologico: cresce la superficie agricola (+2%) e il numero di consumatori. I risultati del “Rapporto Bio 2020”

FederBio annuncia che in Italia continua la crescita delle superfici di terreno destinato a colture …

3 Commenti

  1. Avatar

    Virtuosismo o pubblicità gratuita ?
    Voi il fegato d’oca lo comprate in GDA ?
    Ovvero quante confezioni di fegato d’oca vendono (vendevano) ogni anno i supermercati PAM ?
    Essendo poi un genere almeno da noi soggetto a una ristretta finestra di consumo (di solito le feste natalizie) a quante tonnellate di “grassi guadagni” rinunceranno ? 🙂

    • Avatar

      vero quello che dici ma da qualche parte bisogna pur cominciare, altrimenti si finisce nell’errore comune del “ci sono problemi più importanti”, “tanto non cambia nulla”, ecc.. e si, così non cambierebbe proprio nulla per davvero.

    • Avatar

      Indubbiamente. Ma “sparare” sul fegato d’oca può essere facile, meno farlo su questioni più “concrete” per i propri bilanci (chessò i km zero o le carni, uova da allevamenti intensivi) 😉