Home / Sicurezza Alimentare / Street food, un fenomeno dalla lunga tradizione, ma non privo di rischi per la salute. L’articolo di Giovanni Ballarini su Georgofli.info

Street food, un fenomeno dalla lunga tradizione, ma non privo di rischi per la salute. L’articolo di Giovanni Ballarini su Georgofli.info

Chef handing a tortilla to a foodie at a street food marketLo street food è un fenomeno che è stato particolarmente in auge negli ultimi anni. Ma il cibo da strada non è un tipo di alimentazione privo di rischi sanitari, in particolar modo in questo momento storico, con la pandemia di Sars-CoV-2 ancora in corso. Ne parla un articolo di Giovanni Ballarini su Georgofili.info.

La via dell’abbondanza dell’antica Pompei era piena di termopolia che vendevano cibi da consumare per strada. Nel Milleottocento a Napoli i maccheroni si mangiavano per strada come a Palermo il pani câ meusa, un panino imbottito con la milza di cavallo. E si può dire che ogni regione italiana aveva e spesso mantiene il suo tipico cibo da strada a forte connotazione identitaria, un tipo d’alimentazione che non manca in altri paesi mediterranei e di tutto il mondo. Secondo la FAO lo street food è costituito da cibi e bevande pronti per il consumo venduti e spesso anche preparati in strada o in altri luoghi pubblici come mercatini o fiere, anche da commercianti ambulanti, spesso su un banchetto provvisorio, ma anche da furgoni o carretti, e, nei centri storici di alcune città italiane, in piccoli locali specializzati nella preparazione e vendita di cibi da mangiare in strada. Nell’ultimo dopoguerra il mangiare per strada è aumentato con la diffusione di mezzi attrezzati per la preparazione e vendita ambulante dei cibi che, dai tricicli dei gelatieri e ai banchetti e carretti, sono divenuti Apecar e poi automezzi di diverse dimensioni, presenti in ogni tipo di manifestazioni.

Young asian woman walking in the food truck market
Lo street food nel secondo dopoguerra si è diffuso sempre di più, con mezzi attrezzati per la preparazione e la vendita

Una recente forma di distribuzione dei cibi da strada è costituita dai distributori automatici, in forte espansione soprattutto nelle stazioni di treni, metropolitane, luoghi di lavoro, ospedali, scuole, centri commerciali, ecc., che offrono un servizio ininterrotto sulle ventiquattro ore. Il consumo di cibo per strada consente di mangiare in modo informale, rapido e meno costoso rispetto al ristorante, trattoria o in altro luogo dove il prezzo dei piatti comprende rilevanti spese (affitto, stoviglie, personale di servizio, ecc.). Lo street food ha un posto importante nell’alimentazione umana e, secondo stime non recenti della FAO, interessa due miliardi e mezzo di persone al giorno. A rigore di logica, non rientra nel mangiare per strada la diffusione di tavole e seggiole sulle vie e piazze come estensioni del servizio fornito all’interno di trattorie e ristoranti.

Molti sono gli aspetti antropologici, culturali, economici e sanitari del fenomeno che sono stati oggetto di ricerche e studi ma in questo momento, prescindendo dalla qualità nutrizionale dei cibi da strada, è opportuno segnalare che l’attuale situazione sanitaria e le sue molto probabili conseguenze economiche porterà un ampliamento di questo tipo d’alimentazione con riflessi sanitari di sicurezza alimentare.

Il molto probabile ampliamento del mangiare per strada segue una tendenza non recente e già nel 2016 Coldiretti riscontrava una crescita del 13% rispetto all’anno precedente, con 2.271 imprese impegnate in questo settore, diversamente distribuite nelle differenti regioni italiane e con la Lombardia in testa (288 imprese e un incremento annuo del 26%), seguita da Puglia (271), Lazio (237), Sicilia (201), Campania (189), Piemonte (187), Veneto (161) e Toscana (142). Una tendenza all’aumento dello street food si ritiene possa dipendere da due condizioni: minor costo per cibo e riduzione dei posti a sedere messi a disposizione da trattorie, ristoranti e fast food.

Hot food in foam box on wood table
La crescita dello street food è legata ai fenomeni del cibo asporto e del consumo informale di alimenti

Se il cibo da strada è un’indubbia opportunità durante una recessione economica, è anche un pericolo in una condizione post-pandemica, soprattutto perché si tratta di una condizione alimentare già a rischio, come dimostrano le ricerche sui livelli sanitari di questo tipo di alimentazione eseguite in diversi paesi, ad esempio in Italia a Roma (1) e a Parigi (2). Tutte le ricerche dimostrano infatti condizioni di criticità non solo sulla qualità degli alimenti (spesso cibi spazzatura o junk food) ma soprattutto per i rischi sanitari che riguardano diversi ambiti, dalla produzione ma soprattutto durante il consumo.

Durante la preparazione degli alimenti, numerosi sono i rischi sanitari segnalati anche dalla FAO, non tanto in relazione ai cibi stessi, quanto ai luoghi e alle condizioni ambientali nei quali sono preparati e o trasportati, e non sempre sono attuate le necessarie modalità atte a prevenire la proliferazione di patogeni e lo sviluppo di tossine, con processi adeguati a eliminare i rischi alimentari o ridurli a livelli considerati accettabili. Anche le modalità di preparazione e confezionamento non sempre garantiscono che i cibi non siano suscettibili di contaminazioni successive. Altri, se non maggiori, rischi del cibo da strada derivano dal fatto che questo modo di mangiare è strettamente legato ai fenomeni dell’asporto (take away/take-out) e di consumo informale di cibo, come gli snack, gli spuntini, il fast food, il pranzo al sacco e i finger food, tutti alimenti che sono mangiati con le mani, e non con un coltello e una forchetta, bacchette o altri utensili. Inoltre il consumo che avviene per strada o in altre condizioni ambientali similari rende impossibile avere le mani pulite, lavarsele prima e pare altrettanto difficile mangiare usando guanti di protezione o dopo aver disinfettato le mani con un gel antisettico, come necessario in condizioni di rischi di pandemia e post-pandemia.

Giovanni Ballarini, antropologo – Georgofili.info

Note:

(1) Quaranta G., Nardone I, Laurenti P. – Street food safety in Rome, Italy – Ig. Sanità Pubbl. 2, sett. – ott. 2016, pag. 429 – 441

(2) Czarniecka-Skubina E., Trafiałek J., Wiatrowski M., Głuchowski A. – An Evaluation of the Hygiene Practices of European Street Food Vendors and a Preliminary Estimation of Food Safety for Consumers, Conducted in Paris. – J Food Prot. 2018 Oct;81(10):1614-1621

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Frozen strawberry close-up. Food background.

Ricongelare prodotti scongelati fa male alla salute? Può far aumentare la carica microbica, spiega Issalute

Scongelare e poi ricongelare un alimento fa male alla salute? È una domanda che si …

Un commento

  1. Avatar
    Patrizia Cristallo

    Sono pienamente d’accordo con quanto scritto nell’articolo, ma paradossalmente io mi sono sentita male molte volte dopo aver mangiato in ristoranti e pizzerie e mai dopo aver consumato dello street food, e di questo ne sono molto amareggiata perché ciò dimostra che molto spesso il personale dei locali non è affatto formato sull’applicazione e il rispetto delle più banali norme igieniche.