Home / Sicurezza Alimentare / I germogli contaminati da Escherichia coli hanno provocato 50 vittime e 4.174 ricoveri: troppi errori e troppi ritardi da parte delle autorità tedesche

I germogli contaminati da Escherichia coli hanno provocato 50 vittime e 4.174 ricoveri: troppi errori e troppi ritardi da parte delle autorità tedesche

Escherichia coliIn Europa  la vicenda dei germogli  contaminati dall’Escherichia coli O104: H4  ha causato 50 vittime , il ricovero di  4.174 persone, 864 delle quali sono  state colpite da un’insufficienza renale acuta, una patologia che spesso si può curare solo con la dialisi.  L’epidemia ha così guadagnato il secondo posto nella classifica delle intossicazioni alimentari europee dopo la Mucca pazza.

Un articolo pubblicato sul Bollettino dell’Istituto zooprofilattico di Teramo e firmato da  Alfredo Caprioli, Stefano Morabito, Gaia Scavia, Rosangela Tozzoli, Clarissa Ferreri, Fabio Minelli, Maria Luisa Marziano, Valeria Michelacci dell’Istituto  superiore di sanità (sede l’European Union Reference Laboratory for Escherica coli (EU-RL E.coli) ovvero del centro di  riferimento europeo per queste patologie), una nota apparsa su Emerging Infectious Diseases (vedi allegato) e  un servizio apparso sulla rivista francese Agriculture & Environnement e un intervento  propongono una lettura critica  della crisi ed evidenziano i troppi errori commessi.

La cronistoria 

1 maggio 2011

In Germania nella città di Amburgo e nell’area limitrofa si registrano i primi casi di intossicazione causati dal batterio denominato  Escherichia coli.

22 maggio 2011

Gli  ospedali registrano un numero abnorme di persone intossicate da Escherichia coli (come emerge dai documenti ufficiali dell’istituto  Robert Koch Institute (Rki) responsabile della sorveglianza sanitaria in Germania), ma le autorità sanitarie cittadine solo dopo 3 settimane segnalano il caso al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Edcd).  

Questi 21 giorni sono considerati il primo grave errore, visto che le autorità sanitarie della Sassonia abitualmente una volta alla settimana inviano agli uffici centrali un report sulla situazione, e che questi a loro volta riferiscono al Robert Koch Institute ogni 7 giorni.

26 maggio 2011

Quando ormai si contano centinaia di ricoveri ospedalieri e diversi morti, inizia la seconda fase della crisi, caratterizzata da comunicati stampa precipitosi e inesatti, con  risvolti sanitari ed economici gravissimi.Con una certa superficialità Prüfer-Cornelia Storck – responsabile sanitaria di Amburgo – dichiara di avere forti sospetti su alcune partite di cetrioli biologici importati dalla Spagna, sui quali sono state trovate  tracce di Escherichia coli.

In  poche ore il panico si diffonde e  i tedeschi  smettono di mangiare cetrioli e verdure,  mentre in Europa  le importazioni di legumi e ortaggi dalla Spagna crollano vertiginosamente. Purtroppo la notizia è priva di fondamento tanto che i  ricoveri ospedalieri non si riducono e i morti aumentano.

 

31 maggio

Cornelia Prüfer-Storcks cambia versione “esprime dubbi sulla responsabilità dei cetrioli spagnoli” e sostiene che “la fonte dell’avvelenamento non è stata ancora identificata”. A supporto di questa nuova tesi cita i risultati del team di Helge Karch (uno dei più eminenti studiosi del settore dell’Università di Münster), che  48 ore dopo avere ricevuto l’incarico di esaminare il caso, identifica nell’Escherichia coli  O104: H4, il ceppo di microrganismi responsabile dell’avvelenamento (diverso da quello trovato sui cetrioli spagnoli).

Siamo di fronte al secondo errore delle autorità tedesche. Cornelia Prüfer-Storcks ha scatenato il panico in Europa basandosi su dati analitici incompleti e imprecisi, adducendo come motivo il numero elevato di morti che hanno spinto a  diffondere notizie incomplete per cercare di arginare l’epidemia. Pur comprendendo la criticità della situazione, il rigore scientifico è un requisito indispensabile ed è comunque difficile giustificare una simile leggerezza.

I misteri del questionario

Il questionario fatto compilare dalla maggior parte dei pazienti per  individuare la causa dell’intossicazione (che gli esperti chiamano scheda epidemiologica caso-controllo),  non conteneva tra le categorie sospette da indicare la parola germogli.

Secondo la rivista Agriculture & Environnement i germogli erano presenti nel primo questionario, datato 20 maggio e inviato ai primi pazienti. La categoria è stata cancellata in un secondo tempo perché nella fase di ricerca iniziale, solo una parte degli intervistati aveva dichiarato di aver consumato i germogli nei giorni precedenti. A questo punto si è  focalizzata l’attenzione su  insalata, cetrioli e pomodori consumati dal 95% delle persone colpite.

5 giugno 2011

Il 36° giorno di crisi,  quando si contano 23 morti e 2.000 ricoveri ospedalieri, il mistero dell’epidemia viene finalmente risolto: le autorità sanitarie tedesche individuano come  responsabili  germogli di semi mangiati crudi.

Le autorità giungono a questa conclusione dopo aver mobilitano 150 persone (molte delle quali dipendenti dall’istituto Rki) e aver riesaminato le schede epidemiologiche caso–controllo compilate dai pazienti.  In questo modo si è focalizzata l’attenzione  su alcuni ristoranti dove avevano mangiato diciassette pazienti.

In questi 36 giorni mentre cetrioli, pomodori e lattuga erano banditi dalle tavole, i cittadini hanno continuato a consumare germogli e ad ammalarsi. A livello agricolo il danno è stato molto grave perchè 6.000 tonnellate di cetrioli, più di 3.500 tonnellate di pomodori e 1.300 ettari di terreno coltivato a  lattuga  sono stati inutilmente distrutti, con perdite economiche pari a circa  mezzo miliardo di euro.

10 giugno 2011

Le autorità sanitarie individuano la fattoria biologica di Klaus Verbeck di Amburgo come l’azienda agricola che ha distribuito i germogli contaminati in cinque regioni e stabiliscono l’immediata sospensione dell’attività. Nei giorni successivi si assiste alla graduale riduzione  dei ricoveri. Per dovere di cronaca va detto che i servizi sanitari tedeschi durante il sopralluogo in azienda hanno  esaminato l’impianto idrico e di ventilazione e le aree di lavoro senza riscontrare tracce dell’Escherichia coli E104: H4. L’unico riscontro interessante è che il germe viene isolato in alcuni dipendenti dell’azienda che avevano consumato i germogli e sviluppato la malattia.

La pista dei germogli della fattoria biologica di Klaus Verbeck spiega perchè l’epidemia risulta circoscritta in un’area limitata e anche il  protrarsi dell’infezione, probabilmente dovuto all’impiego dello stesso lotto di semi contaminato per produrre nuovi germogli. Anche l’elevato numero di donne colpite e la scarsa  presenza di bambini si può giustificare considerando la propensione delle donne  a consumare più di frequente insalate con semi.

L’ipotesi dei germogli trascurata all’inizio è invece più che plausibile alla luce delle epidemie che questo tipo di cibo ha  provocato negli ultimi anni. Basta ricordare quella del 1992 a Sakai City  in Giappone ( dove  l’ Escherichia  coli O157: H7  nei semi di ravanello  provocò 7.000 vittime). Anche negli Stati Uniti e in Canada, nel periodo che va dal 1995 al 2003 si  registrano più di 20 episodi di avvelenamento causati da germogli contaminati. Il rischio è correlato alla procedura di  germinazione , che richiede un ambiente caldo-umido considerato ideale per la crescita di microrganismi patogeni eventualmente presenti sulla superficie.

24 giugno 2011

In Francia viene segnalato un focolaio di diarrea emorragica che colpisce 16 persone (di cui 8 con Seu) , dovuto a un ceppo di Escherichia coli O104:H4 simile a quello isolato in Germania. Vittime sono persone  che nel corso di una festa scolastica hanno mangiato germogli crudi di semi di fieno greco, di rucola e di senape, coltivati dai bambini. Di fronte a questo episodio l’ipotesi dei germogli come fonte del focolaio diventa quasi una certezza, anche se mancano riscontri analitici sul prodotto .

Le cause 

Come ha fatto l’Escherichia coli ad introdursi nel sistema produttivo dell’azienda agricola Klaus Verbeck. Le ipotesi sono diverse: l’uso di acqua contaminata, un livello igienico inadeguato,  un inquinamento causato dal personale, l’uso di  sementi contaminate all’origine fatte poi germogliare. La maggior parte degli episodi riportati in letteratura di epidemia da Coli focalizzano l’attenzione sull’utilizzo di semi contaminati durante le pratiche agricole di coltivazione, di fertilizzazione, di raccolta o di  stoccaggio. Il contatto con i batteri può avvenire anche durante la preparazione dei germogli, a causa di pratiche igieniche scorrette da parte degli operatori, che potrebbero a loro volta essere portatori dei microrganismi patogeni.

 

Per individuare la causa in modo certo bisognerebbe avere eseguito test e analisi microbiologiche su ogni lotto di semi e di germogli (controllo non previsto dalla normativa e quindi non realizzato dalla Klaus Verbeck). Va però detto che, secondo il sopralluogo condotto  in azienda dopo circa un mese, l’azienda  presenta una situazione di assoluta regolarità per quanto riguarda le norme igieniche e si è anche scoperto che nella struttura  non  si usano fertilizzanti organici e non si  allevano animali.

Premesso ciò,  l’ipotesi dei semi contaminati all’origine risulta comunque credibile per i riscontri epidemiologici rilevati in Germania e anche in Francia,.

Le indagini condotte in seguito congiuntamente dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) e dal CEPCM  hanno individuato il fornitore dei semi di fieno biologici contaminati la società egiziana Aga Saat che ha fornito lotti nel 2009 e nel  2010. Anche i questo caso però non ci sono riscontri analitici  sulla presenza dell’Escherichia coli in questi semi e quindi non si può sostenere con certezza l’origine di tutte le tossinfezioni.

I microbiologi non escludono l’ipotesi di una contaminazione causata dall’uomo,  visto che il serbatoio naturale del ceppo di Escherichia coli O104: H4 è l’intestino umano e non quello degli animali. Il ceppo è stato trovato la prima volta nel 2001 negli esseri umani e anche di recente in modo sporadico. E’ lecito ipotizzare che nell’intestino di cittadini europei classificati come portatori sani ci sia il ceppo di Escherichia coli O104: H4 .

Il motivo per cui solo nel maggio 2011 è scoppiata l’epidemia è che la trasmissione del batterio da uomo a uomo è complicata e quindi difficilmente realizzabile. Se però  nello schema subentra un vettore esterno come i germogli che contaminati  riproducono sulla loro superficie un elevata carica di Escherichia coli  e questi vengono  consumati crudi allora l’ipotesi della trasmissione diventa realistica.

Di fronte alla recente  epidemia causata da germogli di semi,  sarebbe opportuno introdurre nuove regole e nuove procedure per la vendita di semi destinati ad essere consumati crudi. La cosa più logica sarebbe quella di obbligare i produttori ad una preventiva sterilizzazione di tutti i semi. E’ troppo rischioso affidare ai consumatori la germinazione, senza informarli sulle precauzioni da adottate. Sino ad ora però le etichette dei prodotti non sono cambiate ( Secondo il Canadian Food Inspection la soluzione migliore per evitare  problemi è di sterilizzare i semi  prima della germinazione con acqua clorata oppure con l’irradiazione; un’alternativa l’immersione in aceto o in acqua calda a 70°C per pochi minuti).

In Italia le metodiche per la ricerca di VTEC O104:H4 negli alimenti e i relativi materiali di riferimento sono stati distribuiti agli Istituti Zooprofilattici Sperimentali. I test di laboratorio condotti su varie matrici alimentari e su semi di specie varie destinati alla produzione di germogli hanno sempre dato esito negativo. Sono state anche condotte indagini di laboratorio su casi umani sospetti per sintomatologia e/o anamnesi ma sempre con esito negativo. 

Referenze

– Epidemia di panico in Europa, Natura, 7 giugno 2011.

– La Germania, forse il ruolo di cetrioli spagnolo, AFP, 31 maggio 2011.

–  Enteroemorragica Escherichia coli (EHEC), l’OMS, Foglio n. 125, maggio 2005.

–  E. coli: le autorità tedesche hanno messo la morte in nome della “sfortuna”, EurActiv, 14 giugno 2011.

– Valutazione dei rischi per la sicurezza degli alimenti di origine vegetale, Direzione per le ispezioni alimentari del Canada, nel dicembre 2002.

–  Semi germinati: Bio si scaglia, Le Nouvel Observateur, 13 giugno 2011.

Foto:Photos.com

–  Come ha Germogli tedesco contaminati?, Gretchen Goetche, www.foodsafetynews.com, 14 giugno 2011.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

borraccia borracce acqua ambienteplastica alluminio acciaio

Viva le borracce! Ma attenzione alle istruzioni per usarle correttamente

Le borracce sono indubbiamente la moda del momento: colorate, comode, utili e soprattutto ecologiche. Se …

Un commento

  1. Avatar

    ma la sterilizzazione dei semi non deprime la germinabilità?