Home / Pianeta / Starbucks, dal 2020 stop alle cannucce di plastica in tutto il mondo. Un nuovo tappo per i bicchieri le renderà superflue

Starbucks, dal 2020 stop alle cannucce di plastica in tutto il mondo. Un nuovo tappo per i bicchieri le renderà superflue

caffe bicchiere monouso starbucksDal 2020 la catena di caffetterie statunitense Starbucks eliminerà le cannucce di plastica, evitando l’immissione sul mercato di oltre un miliardo l’anno, da tutti gli oltre 28 mila negozi in tutto il mondo, adottando un nuovo tappo per le sue bevande, che ne renderà superfluo l’utilizzo. Le cannucce saranno disponibili su richiesta dei clienti che le desiderano ma saranno realizzate con materiali alternativi, come carta e plastica compostabile.

Il nuovo coperchio per i bicchieri è già in sperimentazione, per alcune bevande, negli oltre 8 mila negozi di Starbucks negli Stati Uniti e in Canada. Sperimentazioni su un numero più ristretto di bevande vengono fatte anche in alcuni mercati asiatici, come Cina, Giappone, Singapore, Vietnam e Thailandia.

Il piano di eliminazione completa delle cannucce di plastica inizierà questo autunno da Seattle e Vancouver, per poi espandersi in Usa e Canada e quindi in Europa, cominciando da Francia, Olanda e Regno Unito.

“Per i nostri partner e consumatori, questa è una pietra miliare per raggiungere la nostra aspirazione globale di offrire un caffè sostenibile, servito i nostri clienti in modi più sostenibili”, ha affermato Kevin Johnson, presidente e amministratore delegato di Starbucks.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

meloni frutta giappone coltivare serra

Un’anguria da 5.000 euro! Ecco i tre frutti più cari al mondo venduti in Giappone raccontati in un articolo di Italia Fruit News

La rivista online Italia Fruit News ha pubblicato un interessante articolo su alcuni costosissimi frutti …