Home / Sicurezza Alimentare / Bassi standard igienici nei ristoranti di Just Eat e Deliveroo. L’inchiesta della BBC

Bassi standard igienici nei ristoranti di Just Eat e Deliveroo. L’inchiesta della BBC

pizza domicilio consegna ragazza fattorinoQuando si va al ristorante può capitare di trovare le tovaglie macchiate, le posate sporche, il bicchiere che “sa di freschin” o il bagno che emana fetidi odori. Certo è che se tutte queste cose accadono nello stesso posto le possibilità di tornarci sono praticamente nulle. Ma come si fa a sapere se il takeaway da cui ordiniamo la pizza, il sushi o qualsiasi altro piatto non abbia questi standard igienici, se non peggiori?

La Food Standards Agency (FSA), l’agenzia britannica per la sicurezza alimentare, ha affermato che le piattaforme di food delivery stanno minando la fiducia del consumatore accogliendo ristoranti con scarsi livelli di igiene. La BBC ha trovato più di 400 punti vendita, disponibili su Just Eat e Deliveroo, con un punteggio di igiene pari a ‘1’.

standard igienici
Etichetta con valutazione ‘5’ nella Food Hygiene Rating (fonte: sito Food Standards Agency)

Andiamo con ordine. Il Food Hygiene Rating Scheme, come già visto, è la classificazione (da 0 a 5) che indica gli standard  igienici degli alimenti nei locali di Inghilterra, Irlanda del Nord e Galles. Il punteggio ‘0’ è quello più basso mentre ‘5’ è il valore più alto che indica ottimi standard igienici. Giusto per capire di cosa stiamo parlando, ecco un estratto dall’inchiesta della BBC:

“La cucina era calda, puzzolente e affollata durante la mia visita. Un ispettore sanitario ha aperto un armadio trovando pentole e padelle incrostate di sporcizia, escrementi di topo e quelli che sembravano i resti di uno scarafaggio. La parte inferiore del tavolo della cucina era ricoperta di grasso e sporco. Sotto c’erano contenitori di plastica con erbe e spezie, e i coperchi erano luridi. Questo posto aveva una valutazione di igiene ‘1’. Quell’adesivo non era sulla porta ma era segnalato su Deliveroo.”

L’indagine si è concentrata su Manchester, Birmingham e Londra, le città che offrono i maggiori mercati per il food delivery. La BBC ha confrontato il database della FSA con i ristoranti sulle piattaforme Just Eat e Deliveroo trovando 404 punti vendita valutati ‘1’, divisi uniformemente tra i due rivali e con molti che apparivano su entrambi. Inoltre, sono stati trovati anche 21 ristoranti a cui era stato assegnato il punteggio più basso (18 su Deliveroo e 3 su Just Eat).

deliveroo consegna cibo a domicilio ridersDopo una recente indagine della BBC, Just Eat ha dichiarato che non avrebbe più consentito punti vendita a punteggio ‘0’ sulla sua app e si è impegnata a rimuoverli entro maggio 2019; infatti la maggior parte ha avuto il proprio account disabilitato, anche se rimangono sulla piattaforma. Deliveroo invece richiede che i ristoranti mantengano un minimo di due stelle (valutazione del consumatore) per elencare sull’app, e i ristoranti con un punteggio ‘0’ vengono immediatamente rimossi (in realtà sono concessi 21 giorni per migliorare i loro standard di igiene prima della rimozione). Con quest’ultima indagine Just Eat figurava con 259 ristoranti a valutazione ‘1’, mentre Deliveroo ne aveva oltre 251.

“Consentendo punti vendita di scarsa igiene sulle loro piattaforme, le compagnie di consegna minano la fiducia nel cibo”, afferma Heather Hancock, presidente della FSA. A suo avviso, le società di food delivery non dovrebbero accettare ristoranti con un livello standard igienici inferiore a ‘3’, questo perchè secondo una ricerca dell’FSA, le classificazioni tra ‘0’ e ‘2’ sono associate a livelli più elevati di epidemie e contaminazioni di origine alimentare.

Da sottolineare, infine, il fatto che molti dei ristoranti con il punteggio più basso hanno comunque punteggi elevati nelle recensioni dei clienti online. A questo punto, quanto è pulito il tuo ristorante da asporto preferito?

©Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Simone Finotello

Avatar

Guarda qui

borraccia borracce acqua ambienteplastica alluminio acciaio

Viva le borracce! Ma attenzione alle istruzioni per usarle correttamente

Le borracce sono indubbiamente la moda del momento: colorate, comode, utili e soprattutto ecologiche. Se …