Home / Pianeta / Sovrappeso e obesità dal 1975 a oggi nel mondo: i dati allarmanti nei grafici interattivi dell’Università di Oxford

Sovrappeso e obesità dal 1975 a oggi nel mondo: i dati allarmanti nei grafici interattivi dell’Università di Oxford

our world in data oxford obesita percentualeL’Università di Oxford, insieme ad Our Worl in Data, pubblica online diversi grafici a cartine interattivi sull’andamento dell’obesità e del sovrappeso negli ultimi quarant’anni nel mondo, nelle varie regioni e nei singoli Paesi, distinguendo anche tra uomini e donne.

Sulla base dei dati della Fao e dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sull’obesità a livello mondiale, si vede come tra il 1975 e il 2014 si sia passati dal 4,5 al 12,8 per cento.

obesita regioni our world in data oxford
Prevalenza dell’obesità negli adulti per regione (Fonte: Our world in data)

Analizzando i dati sull’obesità per grandi regioni nello stesso intervallo di quarant’anni, si rileva che:

  • in Asia si è passati dall’1 al 7.4 per cento;
  • in Africa dal 3 all’11,1 per cento;
  • in America Latina e nei Caraibi dal 6,8 al 22,8 per cento;
  • in Oceania dal 9,6 al 27,5 per cento;
  • in Europa e in Nord America dall’11,1 al 27,7 per cento.

L’Università di Oxford rappresenta anche la crescita della percentuale di adulti obesi nei vari Paesi del mondo tra il 1975 e il 2016, utilizzando i dati dell’Oms (vedi mappa più in alto). Ad esempio:

  • in Italia si è passati dall’8,4 al 19,9 per cento;
  • in Francia dall’8,8 al 21,6 per cento;
  • in Germania dal 9 al 22,3 per cento;
  • nel Regno Unito dal 9,4 al 27,8 per cento;
  • negli Stati Uniti dall’11,9 al 36,2 per cento;
  • in Giappone dall’1 al 4,3 per cento.
our world in data oxford sovrappeso percentuale
Percentuale di adulti sovrappeso (Fonte: Our world in data)

Analizzando l’andamento della percentuale delle persone in sovrappeso, compresi gli obesi, negli stessi Paesi e nello stesso intervallo di anni, si rileva che:

  • in Italia si è passati dal 41,5 al 64,1 per cento;
  • in Francia dal 40,8 al 62,9 per cento;
  • in Germania dal 41,1 al 62,8 per cento;
  • nel Regno Unito dal 41,9 al 67,2 per cento;
  • negli Stati Uniti dal 41,4 al 70,2 per cento;
  • in Giappone dal 15,3 al 29,4%.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Api su girasole_Ph. Monica Pelliccia - Adelina Zarlenga

Glifosato, il controverso erbicida vietato in Toscana entro la fine del 2021: obiettivo sostenibilità

La Toscana dice stop al glifosato. La regione punta a eliminare l’uso del controverso erbicida …