Home / Pianeta / Sacchetti biodegradabili: sempre più aziende si impegnano a rispettare la normativa. Fondamentali i controlli delle autorità e dell’AGCM

Sacchetti biodegradabili: sempre più aziende si impegnano a rispettare la normativa. Fondamentali i controlli delle autorità e dell’AGCM

sacchetti plastica Sacchetti biodegradabili
I sacchetti biodegradabili e compostabili possono essere usati per smaltire l’umido

17 imprese della grande distribuzione sostituiranno i sacchetti di plastica (non compostabili) utilizzati finora, con le shopper veramente “biodegradabili” (leggi approfondimento).

Il Fatto Alimentare aveva trattato l’argomento poche settimane fa, seguendo le indagini in corso da parte del pubblico ministero Raffaele Guariniello e dei NAS sull’enorme quantità di sacchetti presentati come biodegradabili, ma che in realtà non lo sono. La vicenda inizia nell’ottobre 2014 quando l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato*, su segnalazione di Assobioplastiche (leggi comunicato), invita diciassette diversi professionisti attivi nella grande distribuzione a rimuovere il vanto della “biodegradabilità” dalle buste in materiale plastico additivato, e a monitorare la correttezza delle scritte riportate sule buste.

 

Le scritte sui sacchetti risultavano scorrette perché evidenziavano in modo enfatico una presunta “biodegradabilità”, essendo composti da plastica additivata, che si  frantuma in piccoli pezzi una volta smaltita, senza biodegradarsi e quindi restando un elemento inquinante per l’ambiente e pericoloso per gli animali. Si tratta di una dicitura che tra l’altro può indurre i consumatori non solo a credere di avere tra le mani una vera shopper bio, ma anche a utilizzarla in contesti impropri (raccolta della frazione organica) e a smaltirla in modo errato.

compostabile logo
Un sacchetto veramente biodegradabile deve riportare la frase “Prodotto biodegradabile conforme alle normative comunitarie EN 13432”, o i marchi: “OK Compost” e “ Compostable”, seguiti da un numero (Sxxx o 7wxx) che permette di identificare il produttore e la tracciabilità.

 

Qualche giorno fa è arrivata la risposta delle parti interessate. I responsabili delle 17 catene di supermercati hanno comunicato di aver smaltito (o di essere in procinto di smaltire) i sacchetti di finto materiale biodegradabile e di averli sostituiti con quelli veramente biodegradabili e compostabili. Sono state inoltre disposte misure tali da assicurare un monitoraggio rigoroso anche nei  punti vendita affiliati, per impedire il ripetersi del problema.

*L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nella sentenza conferma quanto già chiarito dalla magistratura, ossia che la “biodegradabilità” è caratteristica riservata ai soli sacchetti compostabili conformi alla UNI EN 13432:2002

 

Luca Foltran

© Riproduzione riservata

Foto:iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Luca Foltran

Luca Foltran
esperto sicurezza dei materiali

Guarda qui

spesa cassa supermercato pagare

Filiera agroalimentare top, è il primo settore economico italiano. Ma i supermercati guadagnano meno di quanto pensiamo…

Dal campo alla tavola del ristorante, l’intera filiera agroalimentare rappresenta il primo settore economico in …