;
Home / Pianeta / Per i ristoranti le aperture e il servizio solo all’aperto danno risultati deludenti. Il sondaggio di Confesercenti

Per i ristoranti le aperture e il servizio solo all’aperto danno risultati deludenti. Il sondaggio di Confesercenti

ristoranti

Le cene all’aperto non bastano ai ristoranti. Tra divieto di consumo all’interno e coprifuoco alle 22, la cosiddetta riapertura dei pubblici esercizi è stata un flop: a 20 giorni dalla “ripartenza” del settore, il 62% delle attività segnala di non avere recuperato fatturato rispetto alle settimane precedenti. È quanto emerge da un sondaggio condotto da Swg per Confesercenti su un campione composto da oltre mille imprenditori della somministrazione.

A vedere risalire un po’ le vendite, per ora, è solo il 38% delle attività, percentuale che coincide con la quota di imprese che avevano già allestito uno spazio esterno da destinare al consumo. Un altro 30% lo sta allestendo ora. Ma anche chi è riuscito a organizzarsi non ha registrato alcun boom: due terzi delle imprese registrano recuperi del fatturato inferiori al 30%. Lo scoglio più difficile da superare è il divieto di consumo dentro i locali: sebbene l’85% dei comuni abbia messo a disposizione tariffe calmierate o spazi gratuiti per il consumo al di fuori degli esercizi, il 32% delle attività non ha la possibilità di allestirne. Pesa anche il coprifuoco, indicato come la restrizione più dannosa da un imprenditore su quattro.

ristoranti
A vedere risalire un po’ le vendite, per ora, è solo il 38% delle attività

“Il migliore indennizzo possibile è tornare a lavorare. Purtroppo, dalle risposte degli imprenditori, il principio del ‘solo all’aperto’, applicato alle imprese della ristorazione, ai pub ed ai bar sembrerebbe stato un flop”, spiega Giancarlo Banchieri, presidente di Fiepet Confesercenti. “Il divieto di consumo all’interno esclude infatti oltre il 60% delle imprese, nonostante l’ottima disponibilità mostrata dai comuni: le nostre città – e in particolare i centri storici – non offrono spesso spazi adeguati. Allo stesso tempo, il coprifuoco alle 22 taglia le gambe alle vendite di chi invece è riuscito a riorganizzarsi per ripartire. Le imprese del settore, dunque, aspettano ancora una ripartenza vera”.

© Riproduzione riservata. Foto: Stock.adobe.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

uova galline

Basta con le gabbie. Il Parlamento europeo esorta la Commissione a vietarne l’uso negli allevamenti entro il 2027

La fine dell’era delle gabbie nell’Unione Europea è più vicina. Il Parlamento europeo ha esortato …

2 Commenti

  1. Avatar

    Decisioni prese a Roma, dove il clima in maggio consente di sedersi all’aperto con su un leggero maglioncino, mentre a Torino serve il parka e a Bolzano la tuta da sci e il mefisto… veramente stranissimo e incomprensibile che ci siano stati pochi clienti.

    • Avatar

      E a Brindisi sia ieri che oggi
      bisogna ripararsi da un maestrale e un vento freddo che sembra una “bora” .. Magari domani il” tempo oramai pazzo “porterà il sole caldo..