Home / Pianeta / Le eccedenze alimentari da supermercati e fattorie bio vengono utilizzate qui: il primo ristorante contro lo spreco, a Berlino

Le eccedenze alimentari da supermercati e fattorie bio vengono utilizzate qui: il primo ristorante contro lo spreco, a Berlino

restlos-glucklich-ristorante-berlino-spreco-alimentare
Il Restlos Glücklich è il primo esempio di ristorante che utilizza le eccedenze delle fattorie e dei supermercati biologici

Situato al numero 22 di Kienitzer Strasse, a Berlino, il Restlos Glücklich è il primo esempio di ristorante che utilizza le eccedenze delle fattorie e dei supermercati biologici. La materia prima è frutta e verdura che si sta avvicinando alla scadenza oppure difficile da vendere perché ha una forma strana o imperfezioni sulla buccia, o ancora perché la confezione è danneggiata. Aperto in luglio, il Restlos Glücklich vuole diffondere la cultura del riutilizzo e combattere lo spreco. L’esperimento sta attirando molta attenzione, anche perché si mangia bene a prezzi ragionevoli: circa 20 euro per un pranzo completo nel week-end, mentre il mercoledì e giovedì con otto euro si mangia un antipasto e il piatto principale.

Come riferisce The Guardian, gli ideatori del nuovo tipo di ristorante, che offre principalmente piatti vegetariani, sono dodici volontari, tra cui uno scienziato dell’ambiente, un ingegnere e un operatore bancario. Fanno tutti parte di un’associazione non profit, che organizza anche workshop di cucina per le scuole, progetti di formazione e corsi di educazione al consumo consapevole.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Piglet vaccination

Nuove regole Ue sui farmaci veterinari per combattere la resistenza agli antibiotici. Standard validi anche per gli alimenti importati

Il Parlamento europeo ha dato il via libera alla nuova legislazione sull’autorizzazione all’immissione in commercio, …

2 Commenti

  1. La storia mondiale purtroppo c’insegna che per far ripartire un’economia bloccata ed in grave recessione, serve una guerra oppure una distruzione climatica.
    Volendo evitare i cataclismi evitabili e prevedibili serve prevenzione, messa in sicurezza delle infrastrutture e nel nostro campo, come in tutti gli altri delle attività umane, molta fantasia e ricerca di vie innovative, come nell’esempio riportato.
    Evviva la fantasia creativa dei lieviti della società moderna, che non aspetta una fase distruttiva per ripartire!

  2. bravo Ezio, condivido