Home / Pianeta / Le eccedenze alimentari da supermercati e fattorie bio vengono utilizzate qui: il primo ristorante contro lo spreco, a Berlino

Le eccedenze alimentari da supermercati e fattorie bio vengono utilizzate qui: il primo ristorante contro lo spreco, a Berlino

restlos-glucklich-ristorante-berlino-spreco-alimentare
Il Restlos Glücklich è il primo esempio di ristorante che utilizza le eccedenze delle fattorie e dei supermercati biologici

Situato al numero 22 di Kienitzer Strasse, a Berlino, il Restlos Glücklich è il primo esempio di ristorante che utilizza le eccedenze delle fattorie e dei supermercati biologici. La materia prima è frutta e verdura che si sta avvicinando alla scadenza oppure difficile da vendere perché ha una forma strana o imperfezioni sulla buccia, o ancora perché la confezione è danneggiata. Aperto in luglio, il Restlos Glücklich vuole diffondere la cultura del riutilizzo e combattere lo spreco. L’esperimento sta attirando molta attenzione, anche perché si mangia bene a prezzi ragionevoli: circa 20 euro per un pranzo completo nel week-end, mentre il mercoledì e giovedì con otto euro si mangia un antipasto e il piatto principale.

Come riferisce The Guardian, gli ideatori del nuovo tipo di ristorante, che offre principalmente piatti vegetariani, sono dodici volontari, tra cui uno scienziato dell’ambiente, un ingegnere e un operatore bancario. Fanno tutti parte di un’associazione non profit, che organizza anche workshop di cucina per le scuole, progetti di formazione e corsi di educazione al consumo consapevole.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

verdura biologica biologico

Biologico: da nicchia di mercato a fenomeno di massa. Prospettive di un settore in continua crescita

I numeri del Sinab (Sistema d’informazione nazionale sull’agricoltura biologica),  presentati al Sana di Bologna (Salone …

2 Commenti

  1. Avatar

    La storia mondiale purtroppo c’insegna che per far ripartire un’economia bloccata ed in grave recessione, serve una guerra oppure una distruzione climatica.
    Volendo evitare i cataclismi evitabili e prevedibili serve prevenzione, messa in sicurezza delle infrastrutture e nel nostro campo, come in tutti gli altri delle attività umane, molta fantasia e ricerca di vie innovative, come nell’esempio riportato.
    Evviva la fantasia creativa dei lieviti della società moderna, che non aspetta una fase distruttiva per ripartire!

  2. Avatar

    bravo Ezio, condivido