Home / Sicurezza Alimentare / Riso di plastica dalla Cina, l’Efsa lo classifica come un rischio emergente della catena alimentare. Preoccupazione per la mancanza di informazioni

Riso di plastica dalla Cina, l’Efsa lo classifica come un rischio emergente della catena alimentare. Preoccupazione per la mancanza di informazioni

Riso di plastica
Il riso di plastica sembra quasi identico ai grani di riso

Nel novembre dello scorso anno, Il Fatto Alimentare pubblicò una notizia sulla preoccupazione diffusa in vari paesi asiatici sulla vendita del cosiddetto “riso di plastica” proveniente dalla Cina e che, se consumato in grandi quantità, può causare gravi problemi grastrointestinali. Il riso di plastica sembra quasi identico ai grani di riso, ma è generalmente costituito da amido di patate, mescolato con resine industriali. Alcuni avevano giudicato quella notizia frutto di allarmismo, dato che a gennaio 2011 c’erano state segnalazioni di questo tipo in Cina, che poi erano cessate in seguito al rafforzamento dei controlli. Che non fosse allarmismo è dimostrato dal fatto che nel suo recente Rapporto sui rischi emergenti l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha inserito il riso di plastica tra gli undici rischi emergenti.

riso
Il riso di plastica tra gli undici rischi emergenti secondo l’Efsa

L’Efsa ricostruisce la vicenda, ricordando che nel 2011 sui media di tutto il mondo cominciò a circolare la notizia secondo cui in Cina veniva prodotto del riso artificiale di platica, che veniva venduto in città come Taiyuan, nella provincia dello Shaanxi. Nel 2013, la questione venne sollevata al Parlamento europeo, dove alcuni deputati chiesero alla Commissione Ue se fosse a conoscenza di questa pratica e di quali garanzie fossero state adottate per evitare che questo riso artificiale entrasse in Europa. La Commissione Ue rispose che in base al regolamento europeo il riso proveniente dalla Cina può essere ammesso alla libera circolazione solo se accompagnato da un rapporto analitico che dimostri che non contiene Ogm e da un certificato sanitario rilasciato dalla competente autorità cinese (AQSIC) attestante che il riso è stato prodotto, selezionato, manipolato, trattato, confezionato e trasportato in linea con le buone pratiche igieniche. Intanto, il Regno Unito preparò una nota informativa per la discussione del tema da parte della Rete dell’Efsa per lo scambio sui rischi emergenti (EREN).

riso
Perplessità sull’adeguatezza delle metodologie analitiche

Nell’ottobre 2015, un membro dell’Epidemic Intelligence dell’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) inviò all’Efsa il link a un articolo del Shangai ist, che come altri media riportava la notizia della diffusione in Asia del riso fatto con la plastica. Il Segretariato della Rete internazionale delle autorità per la sicurezza alimentare (INFOSAN) dell’Organizzazione mondiale della sanità ha ricevuto diverse richieste di informazione dai suoi membri asiatici, preoccupati da queste notizie. Il Segretariato dell’INFOSAN, a sua volta, ha chiesto informazioni ai suoi membri in Cina, senza ricevere alcuna risposta. Un membro INFOSAN di un altro paese asiatico ha segnalato un caso sospetto di malattia conseguente al consumo di riso con plastica, ma il fatto non è stato confermato dalle indagini.

arsenico inorganico riso
Grandi difficoltà di fronte a questioni di sicurezza alimentare derivanti da frodi

L’Efsa osserva come tutto questo evidenzi le difficoltà che si incontrano di fronte a questioni di sicurezza alimentare derivanti da frodi e sottolinea come siano state sollevate anche perplessità sull’adeguatezza delle metodologie analitiche utilizzate per individuare il riso artificiale. Anche la Food and Drug Administration (FDA) statunitense è a conoscenza del problema e sta monitorando il riso proveniente dalla Cina. L’ipotesi è che questo riso contenente plastica sia esportato principalmente in Africa.

La Rete sui rischi emergenti dell’Efsa ha discusso le questioni legate a questo problema, sottolineando come non possa essere fatta una corretta caratterizzazione del rischio, così come non possono essere identificati i diversi tipi di resina utilizzati nella produzione di questo riso artificiale. L’EREN ha quindi concluso che il riso di plastica deve essere considerato un rischio emergente della catena alimentare e ha raccomandato all’Efsa di contattare i suoi vari collaboratori internazionali in Asia e di rimanere in contatto con INFOSAN per essere aggiornata sulla vicenda.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

bere acqua

Pfas: acqua, latte e uova sono le principali fonti di esposizione alimentare. Il rapporto dell’Istituto superiore di sanità

È l’acqua la principale fonte di esposizione ai famigerati Pfas, seguita dagli alimenti prodotti a …

2 Commenti

  1. Sappiamo tutti che i controlli che la UE prevede sono in capo ai paesi esportatori, il che rende ridicola ogni etichetta che non sia italiana.
    Ponendo che un consumatore, per scongiurare rischi di questo genere, pensi di acquistare solo riso italiano da azienda agricola, come potrà sapere se l’azienda agricola importa riso per miscelarlo al suo ? Esistono certificazioni rilasciate dopo controlli effettivi sulla provenienza, e non in base ad autodichiarazioni ?

  2. Le autostrade piene di camion provenienti da paesi fuori controllo sono la prova degli accordi UE per la gestione del commercio apporta danni sociali incalcolabili, sono accordi politici, il mondo è in mano alle multinazionali e l’Expo le ha santificate e legalizzate