Home / Etichette & Prodotti / Riso Carnaroli a confronto: Scotti e Auchan sono prodotti nello stesso stabilimento, ma le due marche hanno standard e prezzi diversi

Riso Carnaroli a confronto: Scotti e Auchan sono prodotti nello stesso stabilimento, ma le due marche hanno standard e prezzi diversi

riso carnaroli scotti
Riso Scotti Carnaroli: si tratta della qualità migliore di riso che l’azienda produce sia con il suo marchio sia conto terzi

Il Carnaroli viene considerato il miglior riso italiano e nei supermercati è anche  la varietà più venduta dopo l’arborio. Oltre il 60% della produzione si trova nella provincia di Pavia. Stiamo parlando di un riso la cui caratteristica peculiare è assicurare una buona capacità di assorbimento di acqua e di tenuta alla cottura. La situazione sul mercato è particolare perché  il 43% del carnaroli viene venduto in confezioni che recano  il marchio dei vari supermercati. Riso Scotti, che è una delle marche leader, produce anche le confezioni per diverse catene tra cui Auchan.

 

Il Fatto Alimentare ha messo a confronto il pacco da 1 Kg  di riso Scotti carnaroli con con l’omologo riso firmato Auchan. Entrambi sono confezionati nello stabilimento di Pavia e come ci dicono in azienda, i parametri di selezione  e qualità applicati sono comunque gli stessi  sia per il prodotto marchiato Scotti sia per quello destinato ai marchi privati dei supermercati  (tutti  ampiamente al di sotto dei limiti previsti dalla normativa.

 

 

carnaroli riso auchan
Il riso Carnaroli firmato Auchan è prodotto dall’azienda Scotti

Nell’ambito della produzione esiste una differenziazione di range in riferimento alle varie tipologie, che implica processi di lavorazione e controlli diversi. I limiti di legge relativi agli aspetti qualitativi del riso Carnaroli prevedono la presenza massima del 2,5% di chicchi danneggiati; un limite inferiore al 5% per le rotture e inferiore al 4,5% per i chicchi gessati. I parametri del Carnaroli Scotti sono più restrittivi e quindi hanno una quota di chicchi rotti edanneggiati o gessati minore rispetto a quello dei prodotti a marchio, che però rientrano sempre nei limiti di legge.

 

Il confronto tra il prodotto di marca e quello Auchan indica una differenza di prezzo consistente: 4,00 €/Kg contro 2,29 €/Kg. Premesso che  la marca commerciale ha sempre un  prezzo inferiore rispetto alla marca industriale (anche per l’incidenza dei costi di marketing e degli  investimenti in pubblicità), la differenza potrebbe essere motivata anche dai diversi parametri di  selezione  adottati per il riso Auchan. Di più non è possibile sapere visto che i  parametri peraltro sono coperti dalla riservatezza dei capitolati previsti nei contratti di produzione per conto terzi di Scotti.

 

riso carnaroli 165485825
Il riso carnaroli assicura ottima tenuta in cottura

L’azienda di Pavia ha introdotto nella gamma del Carnaroli una linea di Riso Scotti a selezione speciale denominato Terre di Risaia che costa poco più del formato standard. Si tratta di riso tradizionale bianco che comprende anche la varietà Vialone Nano, Arborio e Ribe. Per Carnaroli Terre di Risaia sono previsti limiti molto restrittivi: si parla di una quantità di  chicchi danneggiati inferiore all’1% e rispetivamente del 3%  e dell’1,5% per le rotture  e i chicchi gessati. È un prodotto speciale con un listino superiore che non può essere confrontato direttamente con le marche del distributore. È una linea nata dall’esigenza di una diversificazione distributiva ed interessa solo alcune aree geografiche (il Veneto e parte del Piemonte: le terre di risaia per l’appunto).

 

Claudio Troiani

tabella riso carnaroli scotti auchan

© Riproduzione riservata

Foto: Thinkstockphotos.it

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Woman reading food labels

In etichetta l’origine di tutti gli ingredienti dei prodotti alimentari! L’ennesima favola di politici e Coldiretti

Il ministro Gian Marco Centinaio esulta per l’approvazione al Senato dell’emendamento al decreto legge Semplificazioni …

2 Commenti

  1. alla faccia di chi sostiene che l’indicazione dello stabilimento di confezionamento NON è una indicazione che ha valore per il consumatore…. come faremo dal 14 dicembre quando NON sarà più obbligatorio inserirlo? Il reg 1169/11 ha ritenuto che tale indicazione non fosse significativa nei comportamenti di scelta di consumatori e ne ha eliminato l’obbligo e, secondo alcuni, anche la facoltatività…..
    poveri noi:-(

    • Non sapevo, assurdo.
      Io invece controllo sempre.
      Ma è possibile mobilitarci per bloccare tutto questo? magari utilizzando le varie petizioni online.
      Non lo faccio io perchè non sono esperto del settore e non saprei come fare per i riferimenti normativi, ma “il fatto” può proporsi? (se ritiene utile).
      Grazie.