;
Home / Pianeta / Rider: quattro italiani su dieci hanno ordinato cibo dal telefono. L’inchiesta Coldiretti-Censis

Rider: quattro italiani su dieci hanno ordinato cibo dal telefono. L’inchiesta Coldiretti-Censis

I rider di Foodora protestano a Torino per un salario migliore

Quasi quattro italiani su dieci (37%) hanno ordinato dal telefono o dal proprio personal computer pizza, piatti etnici o veri e propri cibi gourmet nel corso dell’anno. È quanto emerge dall’analisi Coldiretti/Censis sul food delivery, in riferimento all’obbligo di assunzione come “lavoratori coordinati e continuativi” per i rider, gli addetti alle consegne di Uber Eats, Glovo-Foodinho, JustEat e Deliveroo.

Il boom del cibo a domicilio nelle case degli italiani ha portato a un’accesa competizione sui costi tra le diverse piattaforme con offerte gratuite di trasporto, promozioni e ribassi, che rischia a volte di ripercuotersi sull’intera filiera. Non a caso il 38% delle persone che ordinano il cibo sulle piattaforme web ritengono prioritario migliorare il rispetto dei diritti del lavoro dei rider e dei fattorini che portano i piatti nelle abitazioni.

Il 28% dei consumatori desidera una maggiore sicurezza dei prodotti durante il trasporto garantendo adeguati standard igienici

Secondo la ricerca Coldiretti/Censis oltre alle condizioni dei lavoratori, altri  aspetti del food delivery andrebbero cambiati. Il 28% desidera una maggiore sicurezza dei prodotti durante il trasporto garantendo adeguati standard igienici (ne abbiamo parlato qui), evitando ogni possibile contaminazione. Il 25% chiede alle piattaforme web di promuovere anche la qualità dei prodotti e degli ingredienti mentre un altro 18% vorrebbe migliorare anche l’utilizzo di prodotti tipici e di fornitori locali.

In cima alla lista delle motivazioni di ricorso al cibo a domicilio c’è l’essere stanchi e non avere voglia di cucinare (57%), ma anche un 34% che usa i rider in caso di cene con amici e parenti per stupire i commensali con piatti di qualità.

© Riproduzione riservata. Foto: Stock.adobe.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

bere acqua

Acqua potabile dall’aria di Tel Aviv: una fonte sicura per i Paesi delle zone più aride del pianeta?

L’acqua potabile del futuro potrebbe arrivare da una fonte finora sfruttata pochissimo: l’atmosfera, che ne …