;
Home / Nutrizione / Report del’Inran sull’ombrina di allevamento made in Italy: un ottimo pesce a carni bianche con pochi grassi

Report del’Inran sull’ombrina di allevamento made in Italy: un ottimo pesce a carni bianche con pochi grassi

mercato pesce OmbrinaDopo l’orata e il branzino, nella piana di Orbetello è iniziato l’allevamento dell’ombrina. Si tratta di un pesce Mediterraneo poco conosciuto dal grande pubblico, ma già commercializzato dalle catene di supermercati come Esselunga e Pam. Secondo uno studio condotto dall’Inran, insieme all’Università Tor Vergata e al C.I.R.S.Pe (Centro Italiano Ricerche e Studi per la Pesca), la specie Bocca d’oro scelta per la crescita in vasca (nome scientifico Argyrosomusregius) presenta carni banche, un sapore delicato e può raggiungere velocemente i 5 kg. Gli altri aspetti da considerare sono la possibilità di ottenere filetti, da vendere in alternativa al pangasio, a un prezzo molto interessante.

«Da un punto di vista nutritivo – spiega Elena Orban responsabile scientifico per l’Inran del progetto – l’ombrina Bocca d’oro ha un buon tenore di omega 3, e un contenuto di grasso che varia dal 2 sino al 4% per le taglie più grandi, da confrontare con il 6% circa del pesce allevato». Questo aspetto è importante perché buona parte delle orate e dei branzini di allevamento venduti a prezzi stracciati, provengono dalla Grecia e dalla Tunisia e hanno una quantità di grasso esagerata, dovuta ai mangimi troppo ricchi che dimezzano i tempi di crescita, ma penalizzano il sapore della carne.

I branzini e le orate di filiera italiana hanno un aspetto identico ai pesci greci, ma vengono allevati rispettando i tempi di crescita, per cui le carni sono meno grasse, hanno un sapore decisamente migliore ma ahimé costano il doppio.
L’altra notizia interessante è che in Toscana ad Orbetello sono in corso prove per l’allevamento della sogliola.

© Riproduzione riservata. Stock.adobe.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

ragazza mangia piatto pollo fritto

In mensa le scelte alimentari dei lavoratori sono influenzate dai commensali e dalle relazioni sociali

Dimmi con chi mangi al lavoro, e ti dirò che cosa mangi. Potrebbe essere sintetizzato …