Home / Pianeta / Nel Regno Unito il nuovo governo vuole modificare la linea anti-obesità di Boris Johnson

Nel Regno Unito il nuovo governo vuole modificare la linea anti-obesità di Boris Johnson

La nuova premier del Regno Unito Liz Truss potrebbe modificare il programma contro l’obesità messo punto dal governo precedente di Boris Johnson per cercare di modificare lo stile alimentare delle persone abituate a mangiare cibo spazzatura. Secondo il Guardian la premier ha dato manato per revocare il divieto di esposizione di prodotti zuccherati (snack, torte, dolci e dessert) davanti alle  casse dei supermercati, come pure l’uso delle formule “compra 2 e paghi 1”. Il pacchetto prevede anche l’eliminazione delle restrizioni pubblicitarie televisive per  alcuni prodotti prima dei programmi di prima serata. Secondo il nuovo primo ministro la decisione di modificare le regole è collegata alla ‘deregolamentazione’ che dovrebbe ridurre gli oneri per le imprese e aiutare i consumatori ad affrontare meglio il continuo incremento del costo della vita.

Boris Johnson ha deciso di fare della lotta contro i cibi ricchi di grassi, sale o zucchero una priorità personale a seguito della sua stessa ammissione in terapia intensiva con Covid-19 nell’aprile 2020. La grande maggioranza delle persone che hanno avuto bisogno di cure salvavita dopo essere state infettate durante la pandemia ha avuto alti livelli di eccesso di peso, gli studi hanno dimostrato.

bambini tv televisione pubblicità media
Nel Regno Unito la nuova premier vuole eliminare i limiti sulla pubblicità televisiva di alcuni prodotti

Le modifiche riguardano anche la norma sul conteggio delle calorie nei menu delle catene di bar, ristoranti e fast-food. Si tratta di un provvedimento entrato in vigore quest’anno che nelle intenzioni del governo di Boris Johnson doveva e aiutare i clienti a scegliere piatti meno calorici. La revisione potrebbe interessare anche la tassa sullo zucchero adottata nel 2018 per le bevande analcoliche.

Il Guardian riferisce che i funzionari dell’Office for Health Improvement and Disparities adibiti all’elaborazione di politiche per affrontare i problemi di salute pubblica, sono molto perplessi su una revisione in aperto contrasto con le politiche del governo precedente guidato dallo stesso partito di Liz Truss.

© Riproduzione riservata; Foto: AdobeStock, Fotolia

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Due branzini o spigole su un foglio di carta forno, circondato da fette di limone, erbe, pomodorini e peperoni

Le nanoplastiche possono risalire la catena alimentare dalle piante ai pesci

Che fine fanno le nanoplastiche, una volta che si sono formate e sono rilasciate nell’ambiente? …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *