;
Home / Pianeta / RECUP, l’associazione che recupera frutta e verdura invenduta dai mercati e la dona a chi ne ha bisogno

RECUP, l’associazione che recupera frutta e verdura invenduta dai mercati e la dona a chi ne ha bisogno

recupTutti noi abbiamo visto persone in condizioni economiche disagiate che si avvicinano ai mercati ortofrutticoli verso l’ora di chiusura, cercando qualcosa di utilizzabile nei cassonetti o nelle cassette la merce invenduta e destinata allo smaltimento. Uno spettacolo triste che oggi a Milano è meno diffuso grazie a iniziative come quella di RECUP, un’associazione nata per recuperare frutta e verdura ancora buona ma invendibile che i commercianti gettano via a fine mercato e distribuirla a chi può utilizzarla, realizzando al tempo stesso un’iniziativa antispreco e un progetto di sostegno e inclusione sociale.

“L’associazione è nata nel 2016 a Milano presso il mercato di viale Papiniano, ora siamo attivi in una decina di mercati rionali oltre che all’ortomercato del comune, e la raccolta è avviata anche a Busto Arsizio e in alcuni mercati romani”, spiega il responsabile comunicazione dell’associazione Lorenzo Di Stasi. L’obiettivo è di creare un punto RECUP in ogni quartiere per contribuire a evitare gli sprechi e creare un’opportunità di aggregazione.

L’associazione RECUP recupera frutta e verdura invenduta nei mercati e la distribuisce a chi può utilizzarla

I volontari intervengono quando le vendite sono terminate, spesso sono gli stessi esercenti a consegnare i prodotti che non possono essere conservati, liberandosi di merce inutilizzabile “molti dei venditori di frutta e verdura non hanno celle frigorifere e specie nei mesi caldi molta merce non arriverebbe al mercato successivo”, spiega Di Stasi. I prodotti raccolti sono selezionati eliminando quanto non recuperabile e raggruppati in un punto  di ritrovo, e poi distribuiti ai volontari che hanno partecipato all’iniziativa e a chi ne fa richiesta “nel rispetto delle esigenze di tutti” sottolineano i responsabili. Col tempo i giovani volontari sono riusciti a coinvolgere le persone che abitualmente raccoglievano le merci gettate via a fine mercato, e che ora partecipano alla raccolta e alla distribuzione: “in questo modo si sviluppa una collaborazione e tra persone diverse, un contatto interculturale e intergenerazionale che prima mancava”, spiega Di Stasi. “All’inizio poteva nascere qualche divergenza, che poi è stata superata grazie alla conoscenza reciproca e all’impegno comune”.

Nei mesi del lockdown l’attività dei volontari di RECUP si è concentrata sull’ortomercato, “dove la merce in eccedenza è stata raccolta e distribuita a chi ne aveva bisogno, in collaborazione con altre associazioni come Emergency e le Brigate di Quartiere” spiega Di Stasi. Ed è proprio nel mercato ortofrutticolo all’ingrosso di Milano che avrà luogo una partnership tra RECUP e il Gruppo Orsero, azienda specializzata nella produzione, importazione e distribuzione di prodotti ortofrutticoli. La collaborazione prevede che la frutta e la verdura non più commercializzabili da Fruttital, che fa parte del Gruppo Orsero, siano raccolte dall’associazione e distribuite a chi ne ha bisogno.

A oggi si riesce a recuperare ogni settimana sei tonnellate e mezzo di frutta e verdura, “un vantaggio per i commercianti che sarebbero costretti a occuparsi dello smaltimento delle merci invendute, per l’ambiente, e per quanti possono usufruire di prodotti ancora commestibili”. Intanto i volontari di RECUP stanno lavorando a un nuovo progetto, ribattezzato RECUP+, uno spazio dove conservare le eccedenze raccolte e trasformare alcuni prodotti con la collaborazione di Chef & the City, producendo conserve o torte destinate alla vendita per finanziare le attività dell’associazione. Il progetto, finanziato con il crowdfunding, ha partecipato con buoni risultati al bando promosso da Natura Sì “Il cambiamento siamo noi

© Riproduzione riservata Foto: Claudio Manenti

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Paola Emilia Cicerone

Paola Emilia Cicerone
giornalista scientifica

Guarda qui

peste suina africana

La peste suina africana arriva in Germania dove si registrano due focolai. E in Italia?

Per la prima volta in Germania, nella regione del Brandeburgo, è stata riscontrata la peste suina africana …

Un commento

  1. Avatar

    Ottima iniziativa, complimenti davvero .!! Qualsiasi cibo ,in questo caso si tratta di frutta e verdura non va mai sprecato, ma recuperato.!!! Questo messaggio valga per tutti, famiglie, ristoratori, ecc..