Home / Allerta / Fungicida in pesche spagnole e castagne algerine infestate da insetti… Ritirati dal mercato europeo 52 prodotti

Fungicida in pesche spagnole e castagne algerine infestate da insetti… Ritirati dal mercato europeo 52 prodotti

castagne secche 147253302
Cattivo stato igienico di castagne sgusciate, infestate da insetti, dall’Algeria, attraverso la Tunisia

Nella settimana n°47 del 2013 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi sono state 52 (12 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

 

L’elenco comprende un’allerta per la presenza di mercurio in squalo mako surgelato (Isurus oxyrinchus) dalla Spagna.

 

Nella lista dei lotti respinti alle frontiere e/o delle informative sui prodotti diffusi che non implicano un intervento urgente troviamo: trattamento non autorizzato al monossido di carbonio su filetti di tonno refrigerati (Thunnus albacares) dalla Spagna; presenza non dichiarata di uova in surimi congelato di nemiptero (Nemipterus spp) cinese; eccesso di mercurio in pezzo di pesce spada (Xiphias gladius) refrigerato spagnolo; migrazione di cromo da stampi per tritacarne da Hong Kong; livello di migrazione globale troppo elevato da piatti di plastica dalla Bosnia-Erzegovina; cattivo stato igienico di castagne sgusciate, infestate da insetti, dall’Algeria, attraverso la Tunisia; fungicida (carbendazim) in pesche dalla Spagna; mercurio in filetti di tonno congelato spagnolo; rivestimento interno di teglie cinesi che si stacca; eccesso di Escherichia coli in vongole (Venus verrucosa) croate; migrazione di cromo da coltelli da cucina in acciaio inox provenienti dalla Cina, via Hong Kong.

 

teglia 156631695
Rivestimento interno di teglie cinesi che si stacca

Questa settimana tra le segnalazioni di esportazioni italiane in altri Paesi e ritirate dal mercato la Slovenia segnala la presenza di dinoflagellati (organismi unicellulari produttori di biotossine) in mitili.

 

Ogni anno centinaia di prodotti vengono ritirati dal commercio perché contengono corpi estranei, perché sono contaminati da batteri patogeni, perché ci sono degli errori nelle etichette, oppure le date di scadenza sono inesatte. I consumatori però raramente vengono informati, anche se si tratta di alimenti in grado di nuocere alla salute. Il Fatto Alimentare ha lanciato una petizione on line su Change.org per invitare il Ministero della salute e le catene dei supermercati a pubblicare la lista e le foto dei prodotti alimentari pericolosi ritirati dagli scaffali. Firma anche tu, clicca qui.

 

Valeria Nardi

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Allergene non dichiarato in alici impanate e ocratossina A in infusione di erbe… Ritirati dal mercato europeo 76 prodotti

Nella settimana n°29 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …