Home / Pianeta / Protezionismo alimentare, la Commissione Ue avvia la procedura d’infrazione contro Romania e Ungheria. Contestate le leggi finalizzate ad avvantaggiare i prodotti nazionali

Protezionismo alimentare, la Commissione Ue avvia la procedura d’infrazione contro Romania e Ungheria. Contestate le leggi finalizzate ad avvantaggiare i prodotti nazionali

La Commissione Ue mette in mora Ungheria e Romania per la violazione delle regole sul libero commercio delle merci

La Commissione europea ha avviato un procedura d’infrazione nei confronti di Ungheria e Romania per violazione delle regole sul libero commercio delle merci, contestando ai due paesi le norme protezioniste sulla vendita al dettaglio di prodotti agricoli e alimentari.

In Ungheria, una nuova legge impone ai dettaglianti di applicare gli stessi margini di profitto ai prodotti agricoli e alimentari nazionali e di importazione, nonostante il fatto che il costo dei prodotti importati sia soggetto a fluttuazioni valutarie e dei tassi di cambio. Questo, secondo la Commissione Ue, può scoraggiare le vendite di prodotti agricoli e alimentari importati a vantaggio dei prodotti nazionali.

In Romania, la grande distribuzione è obbligata ad acquistare almeno il 51% dei prodotti agroalimentari da produttori locali e a promuoverli, vedendo così limitata la propria libertà di scelta commerciale su quali prodotti offrire ai clienti.

In Romania la grande distribuzione è obbligata ad acquistare il 51% dei prodotti agroalimentari da produttori nazionali

Secondo le norme Ue, queste restrizioni sono ammesse solo quando esiste la necessità giustificata di tutelare un interesse pubblico prevalente, come la tutela della salute pubblica, e non sia possibile adottare misure meno restrittive. In questo caso, invece, secondo la Commissione Ue, le leggi adottate da Romania e Ungheria non sono giustificate e proporzionate. Ora le autorità dei due paesi hanno due mesi di tempo per rispondere alla lettera di messa in mora della Commissione europea.

Come riferisce il sito Economica.net, le commissioni agricoltura e affari europei del Senato rumeno hanno costituito un gruppo di lavoro con i rappresentanti del mondo economico, per modificare la legge, elaborando una proposta entro un mese.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Riciclo marino: una ricchezza da ciò che si butta. La seconda vita degli scarti delle lavorazioni della pesca e dalle alghe

C’è un autentico tesoro che aspetta solo di essere sfruttato molto più di quanto non …