Home / Pianeta / “Polli allevati umanamente”. Non è vero. Negli USA la compagnia Perdue Farms cambia le diciture sulle etichette

“Polli allevati umanamente”. Non è vero. Negli USA la compagnia Perdue Farms cambia le diciture sulle etichette

polli
“Polli allevati umanamente” è una dicitura ingannevole.

Perdue Farms, terza compagnia statunitense specializzata nell’allevamento di polli,  con vendite superiori ai sei miliardi di dollari l’anno, ha patteggiato la chiusura di due class action che l’accusavano di pubblicità ingannevole. La società si è impegnata a non scrivere più sull’etichetta “polli allevati umanamente”.

 

 

 

polli allevati umanamente
La compagnia applica le linee guida del National Chicken Council, ma non basta per giustificare un trattamento umano

Le due azioni giudiziarie erano state intraprese nel 2010 nel New Jersey e nel 2013 in Florida dalla Humane Society of the United States, la maggiore organizzazione statunitense per i diritti degli animali, che contestava a Perdue Farms la veridicità di quell’affermazione. L’azienda si è  difesa dicendo di applicare le linee guida sul benessere degli animali del National Chicken Council. Il problema è che  secondo l’organizzazione animalista, nessun consumatore ragionevole considererebbe “umani” questi trattamenti. Tra le pratiche più critiche indicate dai querelanti, troviamo la continua presenza di luce che impedisce agli animali il normale riposo; il trasporto su camion in spazi angusti, per molte ore, senza cibo e acqua; pratiche di macellazione che paralizzano gli animali ma non garantiscono il loro stato d’incoscienza.

 

Perdue Farms ha accettato l’accordo con i denuncianti, pur continuando a respingere le accuse, sostenendo che le sue pratiche, in alcune aree, sono migliori di quelle indicate dal National Chicken Council, e che la compagnia “è impegnata a trattare gli animali con rispetto e a garantire la loro salute e sicurezza”.
Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

verdura biologica biologico

Biologico: da nicchia di mercato a fenomeno di massa. Prospettive di un settore in continua crescita

I numeri del Sinab (Sistema d’informazione nazionale sull’agricoltura biologica),  presentati al Sana di Bologna (Salone …