Home / Prezzi / Polenta precotta: Valsugana è la più cara e famosa e offre alcune varianti. Si risparmia con Carrefour ed Esselunga o scegliendo quella tradizionale

Polenta precotta: Valsugana è la più cara e famosa e offre alcune varianti. Si risparmia con Carrefour ed Esselunga o scegliendo quella tradizionale

polenta Valsugana
La polenta è notoriamente un prodotto povero a base di farina di mais.

La polenta, piatto tipico di alcune regioni italiane del nord e del centro, è notoriamente un prodotto povero a base di farina di mais. Per prepararla è sufficiente  diluire la farina di mais nell’acqua, mettere sul fuoco e mescolare per meno di 35-50 minuti. Si tratta di un piatto unico di solito abbinato a condimenti sostanziosi come sughi a base di carne e formaggi. Negli anni si è sviluppato un segmento di farine precotte a vapore che hanno ridotto di molto i tempi di preparazione. La marca leader del nuovo settore è Polenta Valsugana: si tratta di un marchio premium price, venduto a un prezzo più elevato.

Grazie alla crescita dei prodotti integrali e multicereali, anche la Polenta Valsugana ha diversificato il prodotto introducendo sul mercato la versione integrale e ai 5 cereali. Oltre oltre al mais, la nuova ricetta comprende riso, grano saraceno, quinoa e amaranto. Così come la polenta tradizionale, anche l’Integrale e quella ai 5 cereali sono senza glutine.  Tutte e tre cuociono in otto minuti e il contenuto di una confezione basta per 4 o 5 porzioni.

Per motivi difficili da capire le confezione classica è proposta in scatole da 375 g, mentre quella 5 cereali scende a 350 g  e la versione integrale a 330. A parità di prezzo a confezione, i tre prodotti hanno un costo al kg differente. I prezzi riscontrati variano da 1,95 per la Polenta Valsugana la Classica (1,65 euro al supermercato virtuale www.esselungaacasa.it ) a 2,15 euro per la Polenta Valsugana 5 Cereali (Carrefour Market). Il prezzo al kg varia quindi da 5,20 euro (4,48 €/kg sul sito di Esselunga) a 6,14 euro. Nel segmento delle precotte si possono comunque trovare prodotti più economici: la marca commerciale Carrefour ha una polenta veloce che costa 2,18 €/kg, Esselungaacasa propone una farina  firmata Molino Oleificio Nicoli a un prezzo ancora più basso: 1,26 €/kg.

Le differenze di prezzo sono ancora più ampie se si confronta la polenta precotta con quella tradizionale, che richiede tempi di preparazione più lunghi (da 35 a 50 minuti). Per quella tradizionale il prezzo riscontrato varia da un massimo di 2,90 €/kg per una farina biologica di Nicoli, a un minimo di 0,89 €/kg per una farina bramata di mais dello stesso produttore. In conclusione, a incidere sul prezzo concorrono vari elementi dalla qualità della farina, al tipo di preparazione (veloce o tradizionale) alla notorietà della marca. Una porzione di polenta, in sostanza, può costare da 40-50 centesimi se precotta di marca o meno di 10 centesimi se tradizionale.

© Riproduzione riservata

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Valeria Torazza

Valeria Torazza
analisi di mercato

Guarda qui

Poultry farm business for the purpose of farming meat or eggs for food from, White chicken Farming feed in indoor housing

Polli da carne: quanto costerebbe a produttori e consumatori allevare solo razze a crescita lenta?

Negli Stai Uniti la produzione totale di pollame e uova è aumentata di oltre il …