;
Home / Pianeta / Plastica, mascherine e inquinamento. Il Wwf lancia l’allerta contro l’incremento degli imballagi e degli oggetti dispersi nei mari

Plastica, mascherine e inquinamento. Il Wwf lancia l’allerta contro l’incremento degli imballagi e degli oggetti dispersi nei mari

plastica mareIl 16 giugno è la giornata mondiale delle tartarughe marine, una delle specie maggiormente colpite dalla plastica,
costrette a vivere in un mondo sempre più popolato che produce ogni anno 2 miliardi di tonnellate di rifiuti. Come ricorda il Wwf si tratta di un a quantità enorme che potrebbe crescere del 70% entro il 2050. Il fenomeno ha ormai da qualche anno un simbolo: la plastica. Il biennio 2020/2021 avrebbe dovuto segnare la svolta nella lotta ai rifiuti di questo materiale dispersi in natura, che minacciano le specie animali  come le tartarughe marine e inquinano l’habitat. Ma l’emergenza provocata dal Covid-19 ha riacceso la sfida contro la plastica, che si ripresenta nell’utilizzo di numerosi oggetti indispensabili usa e getta, come le mascherine monouso composte da fibre di plastica.

La vicenda è spiegata bene da Wwf Italia nel suo ultimo paper “La lotta al Covid frena quella all’inquinamento da plastica” in cui si fa un bilancio a distanza di oltre un anno dall’inizio della pandemia. Nel 2019, sono state prodotte globalmente 368 milioni di tonnellate di plastica. La buona notizia è che la produzione in UE è in leggera ma costante diminuzione. La cattiva è che la plastica è troppa e facciamo fatica a smaltirla (nel 2019 ne abbiamo prodotte ben 57,9 milioni di tonnellate, di cui il 40% è costituito da imballaggi). Questa evidenza ha portato l’UE a varare la cosiddetta Plastic Tax, una tassa entrata in vigore da gennaio 2021 e da luglio in Italia. Sempre dal 1° gennaio 2021 per l’UE diventa inoltre più difficile usare i Paesi in via di sviluppo come “discarica” per la plastica in applicazione della Convenzione di Basilea. E ancora, nel 2021 sono stati banditi piatti, posate e cannucce di plastica grazie all’entrata in vigore della Direttiva (UE) 2019/904 il cui scopo è eliminare l’usa e getta e promuovere un approccio circolare ai consumi. Questa Direttiva, però, sta facendo i conti con la pandemia.

plastica
Oggetti in plastica e altri materiali ritrovati in una tartaruga marina

Se la sfida per fermare l’inquinamento da plastica non era facile prima del Covid, ora che si è aggiunto il nuovo problema delle mascherine lo è ancora di meno. Realizzate in fibre di plastica e usate in tutto il mondo le mascherine monouso sono diventate un simbolo universale. Si parla di 7 miliardi di pezzi utilizzate ogni giorno a livello globale. La sola UE ne consuma circa 900 milioni: in peso sono circa 2700 le tonnellate che finiscono tra i rifiuti (o disperse in natura). Peraltro, essendo costituite da plastica composita e potenzialmente infetta, non possono essere avviate al recupero e riciclo.

La mala gestione e la dispersione di questi oggetti usa e getta stanno aggravando il dramma dei rifiuti plastici che inquinano e soffocano oceani ed ecosistemi terrestri. In acqua, le mascherine tendono a galleggiare, ma ne esistono di più pesanti, che affondano o restano sospese a tutte le profondità. Sono stati già osservati pesci, tartarughe, mammiferi marini e uccelli che le hanno ingerite intere o sono rimasti vittime degli elastici. La mascherina, inoltre, dopo poche settimane di permanenza nell’ambiente si frammenta in microfibre, che possono accumulare e rilasciare sostanze chimiche tossiche. Ciò che si è dimostrato necessario per la salvaguardia della nostra salute ha un caro prezzo per l’ambiente.

plastica
Si parla di 7 miliardi di mascherine di materiale plastico utilizzate ogni giorno a livello globale

In mare il numero di specie colpite da rifiuti plastici di varia natura e dimensioni, è aumentato di oltre il 159% nel periodo 1995-2015 (passando da 267 a 693 specie) e nei due anni successivi, dal 2015 al 2018, è ulteriormente raddoppiato arrivando a circa 1.465 specie. Gli impatti sulla fauna possono essere suddivisi in quelli derivanti dall’intrappolamento, che può provocare lesioni, annegamento o strangolamento, all’ingestione che può avvenire direttamente quando un animale scambia la plastica per una preda.

Secondo il Wwf  uno degli elementi da valutare è stato il cambiamento di abitudini dei consumatori. Il brusco aumento della plastica è dovuto anche alle nuove modalità di acquisto. Se nel periodo pre-pandemia  il consumo di prodotti alimentari confezionati rispetto allo sfuso era intorno al 40-45% , con la pandemia si è arrivati al 60%. Un grossa fetta di  persone che prima prediligeva lo sfuso è tornata ad acquistare prodotti imballati. Questo si spiega perché i consumatori ritengono più sicuri i cibi confezionati. La gente si è trovata di fronte al dilemma tra sicurezza e ambiente, sebbene ad oggi non sia stato segnalato alcun caso di trasmissione del virus attraverso il consumo di alimenti. Esistono invece studi secondo cui il SARS-CoV-2 sopravvive sulla plastica, anche se non è stata dimostrata la trasmissione del virus da imballaggi contaminati.

Bisogna poi considerare il periodo di lockdown che ha stimolato gli acquisti online e i servizi di consegna di cibo a domicilio, aumentando ulteriormente la quantità di imballaggi plastici. Il monouso (spesso in plastica) è stato adottato anche per tutti i bar e ristoranti obbligati al take away. Il rischio che stiamo correndo è di una epidemia di plastica. Secondo uno studio appena pubblicato sulla rivista Nature Sustainability, pochissime categorie di prodotti rappresentano quasi la metà dei rifiuti presenti in mare: sacchetti monouso e bottiglie di plastica, contenitori e posate per l’asporto oltre a vari  involucri per alimenti. La lista dei rifiuti più comuni annovera anche corde e attrezzi da pesca, coperchi e tappi di bottiglie e contenitori di cibo. Secondo lo studio la plastica rappresenta l’80% dei rifiuti in mare, dato già noto, quello che sorprende è l’elevata incidenza dei contenitori da asporto e degli oggetti monouso in generale. Il Covid non deve ostacolare l’ambizione globale di ridurre la plastica monouso e l’inquinamento da essa generato. Ma si tratta di un obiettivo che deve partire anche dai nostri piccoli gesti quotidiani.

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

peste suina africana

La peste suina africana arriva in Germania dove si registrano due focolai. E in Italia?

Per la prima volta in Germania, nella regione del Brandeburgo, è stata riscontrata la peste suina africana …