Home / Sicurezza Alimentare / Piovono pietre su Calderoli e Fazio, a causa della ?bufala? sulla presunta abrogazione della legge 283 che punisce le frodi alimentari

Piovono pietre su Calderoli e Fazio, a causa della ?bufala? sulla presunta abrogazione della legge 283 che punisce le frodi alimentari

 “Piovono pietre”, come direbbe Ken Loach, sui Ministri per la Semplificazione e quello della Salute, accusati dalle testate nazionali e locali di avere dimenticato di caricare sull’Arca di Noè la legge 283/62 (quella che punisce i venditori di alimenti sudici o mal conservati) prima che il diluvio universale della semplificazione legislativa avesse luogo.    Ma questa notizia è completamente FALSA!

L’ amministrazione sanitaria ha invece avuto lo scrupolo di considerare per tempo sia la legge 283/1962, sia le successive che ad essa hanno apportato modifiche.
 
Basta dare un’occhiata agli atti parlamentari
per trovare conferma della determinazione del nostro Ministero della Salute: ecco qui uno stralcio del dossier dell’Ufficio Studi del Senato sullo “schema di decreto legislativo recante: Disposizioni legislative statali anteriori al 1° gennaio 1970 di cui si ritiene indispensabile la permanenza in vigore” (dossier n. 169 dell’ottobre 2009):
      circa l’assenza della legge 283/1962 dalla lista delle normative da mantenere in vigore “non risulta in elenco la legge modificata, che risulta vigente. Tuttavia, la documentazione del Ministero rileva che quest’ultima legge è compresa nell’elenco degli atti relativi ai settori esclusi.”
     nella parte relativa ai “settori esclusi” dalle abrogazioni: Il Ministero consiglia il mantenimento del presente provvedimento [la legge 283/1962, ndr], poiché reca disciplina sanitaria degli alimenti e delle bevande. In quanto modifica di testo unico, il provvedimento non dovrebbe comunque essere inserito nell’allegato I rientrando nei settori esclusi.”
La legge-delega per la semplificazione ha infatti inserito quali “membri di diritto dell’Arca di Noè” tutte le normative di natura codicistica: “rimangono in vigore […] ogni altro testo normativo che rechi nell’epigrafe l’indicazione codice o testo unico” (legge 246/05, art. 14, comma 17, lettera “a”).
E la legge 30.4.1962 n. 283 è appunto una di queste, recando il titolo,: Modifica degli artt. 242, 243, 247, 250 e 262 del testo unico delle leggi sanitarie approvato con R.D. 27 luglio 1934, n. 1265: Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande.
E’ ora lecito attendersi una pioggia di rettifiche, dopo una lapidazione mediatica che confonde i cittadini- consumatori con notizie-patacca che squalificano pregiate fonti d’informazione. Forse è il caso anche di  porgere le scuse e ringraziare l’Amministrazione Sanitaria per la rete di garanzia sulla sicurezza degli alimenti che primeggia a livello europeo.
Dario Dongo

Altri articoli

La falsa notizia della legge sulle frodi alimentari abrogata dilaga in rete. Si tratta di un una super bufala. E’ il momento di rettificare  


Foto:Photos.com

 

Avatar

Guarda qui

Frozen strawberry close-up. Food background.

Ricongelare prodotti scongelati fa male alla salute? Può far aumentare la carica microbica, spiega Issalute

Scongelare e poi ricongelare un alimento fa male alla salute? È una domanda che si …